Notizie, cronaca, sport, eventi della Città di Lamezia Terme

Cittadino Agricoltura

L’Ucid di Lamezia da Papa Bergoglio sabato mattina

,
806 0

La sezione Ucid di Lamezia e tutte le delegazioni italiane dell’Unione cristiana imprenditori e dirigenti saranno in udienza dal Papa la mattina del prossimo 31 ottobre. Il Santo Padre ha accolto la richiesta fatta pervenire tramite il cardinale Salvatore De Giorgi; l’incontro che si terrà nell’aula “Paolo VI” – Sala Nervi, inizierà alle 11 con l’intrattenimento musicale dell’orchestra giovanile del Conservatorio “Paganini” di Genova. Alle 12 Papa Francesco incontrerà i delegati ucidini fino alle 13.

Si tratta certamente di un grande segno di attenzione nei nostri confronti – ha commentato il presidente nazionale Ucid Giancarlo Abete – e come tale sono sicuro che risponderemo in gran numero a questa chiamata.

Molto nutrito anche il gruppo lametino che sarà guidato dal neo presidente Daniele Maria Ciranni. “L’udienza con il Pontefice precederà di qualche Cicione Tomainogiorno l’inizio dell’anno sociale dell’Ucid, quindi costituirà un importante imprimatur alle attività che andremo a realizzare nei prossimi mesi –ha evidenziato don Tomaino – Avere la benedizione di Papa Francesco vorrà dire mettere uno straordinario sigillo alla vita della famiglia ucidina che, in contemporanea con il nuovo anno sociale, si appresta a vivere l’Anno Santo della Misericordia.

L’assistente ecclesiastico dell’Unione lametina ha concluso: “Ci attendono giornate intense in cui dovremo mettere a disposizione dell’Ucid e di tutta la comunità ecclesiale il nostro potenziale di credibilità e fiducia”. Ciranni ha espresso la grande emozione che tutti i rappresentanti Ucid di Lamezia stanno vivendo in attesa della visita, “un evento memorabile che segnerà tutti noi in maniera indelebile, sul piano personale e nell’ambito del nostro impegno di imprenditori e dirigenti cristiani”.

Per il prossimo anno sociale ormai alle porte, il presidente lametino dell’Ucid ha auspicato “nuove convergenze, strategiche collaborazioni tra i tanti soggetti dell’economia, della politica, del sociale, del mondo della cultura, che possono contribuire concretamente allo sviluppo del territorio, alla crescita di una comunità ancora pesantemente colpita da una crisi economica e sociale che dura ormai da troppi anni. L’Ucid – ha rimarcato Ciranni – può e deve operare per riscattare le sorti I soci Ucid di Lamezia in ritiro alla casa Bethel Tabor di Dipodidi una terra afflitta da mali vecchi e nuovi. La rinascita è possibile se si perseguono i valori dell’economia etica, improntata alla sostenibilità e alla sussidiarietà”. Durante l’incontro, Ciranni ha salutato e ringraziato la past president Nelida Ancora che, negli anni scorsi, si è tanto prodigata per far nascere la sezione Ucid lametina operando fattivamente per creare una rete di relazioni, atte a dare nuova linfa vitale all’Unione e a tutto il contesto territoriale locale.