Notizie, cronaca, sport, eventi della Città di Lamezia Terme

Cittadino Agricoltura

Mannarino a Fincalabra è uno schiaffo ai calabresi

991 0

La nomina a presidente di Fincalabra, di Luca Mannarino, tesoriere di Forza Italia in Calabria e come riportato dagli organi di stampa neppure in possesso dei requisiti previsti dalla legge per ricoprirne l’incarico, è l’ennesima ed ulteriore prova del totale disprezzo delle regole da parte della Giunta regionale.

Ad affermarlo è il candidato alla presidenza della Regione Calabria Gianni Speranza il quale sottolinea “questa nomina, l’ennesima dopo le dimissioni di Scopelliti e quindi la fine della legislatura per Giunta e Consiglio, è un ulteriore schiaffo alla Calabria e ai calabresi”. L’attuale Sindaco di Lamezia Terme, poi, si scaglia contro i prossimi avversari poltici “il centrodestra, come se nulla fosse, non solo cerca di prorogare la propria vita e quella del Consiglio Regionale ma, continua ad alimentare il suo sistema di potere, incurante e in spregio delle leggi e perfino della decenza pubblica”  Non mancano stilettate di Speranza al predecessore di Mannarino “già il precedente presidente di Fincalabra, Umberto De Rose, era stato al centro dello scandalo dell’ora della calabria, sottolineando così il suo rapporto organico con i suoi sponsor politici; ora, si aggiunge questa nuova scandalosa nomina guidata esclusivamente dalla vecchia logica dell’occupazione dei centri di potere da parte della politica”. L’esponente di Sel chiude la nota augurandosi che ” il Governo faccia sentire immediatamente la propria voce invalidando ed annullando queste nomine, così come è stato costretto a fare, anche se tardivamente, per gli atti posti in essere da Scopelliti in qualità di commissario della sanità”. Speranza stuzzica anche la sua parte politica “l’opposizione in Consiglio regionale, non assista muta a quanto sta accadendo e blocchi questo scempio” ed invoca elezioni subito.