Notizie, cronaca, sport, eventi della Città di Lamezia Terme

Cittadino Agricoltura

Marziale sulle istigazioni al suicidio attraverso l’uso dei media

,
280 0

«La notizia della denuncia di un sedicenne cosentino, da parte della Polizia postale di Catania, perché avrebbe istigato una coetanea siciliana a compiere l’estremo atto nel famigerato Blue Whale, ossia buttarsi da un edificio alto, deve indurci ad una seria riflessione, che deve coinvolgere soprattutto i genitori a vigilare sulle attività mediali dei propri figli, visto e considerato che niente e nessuno riesce a contenere la pericolosa anarchia delle comunicazioni di massa, applicate alle moderne tecnologie, che da come ci è dato vedere ormai si sono spinte all’estremo, all’istigazione al suicidio». E’quanto dichiara il sociologo Antonio Marziale, Garante per l’Infanzia e l’Adolescenza della Regione Calabria.

«I genitori sono tenuti ad entrare con l’autorevolezza propria del ruolo nella vita dei figli – spiega il sociologoper controllare la loro vita mediale, come si deve fare nella quotidianità, anche perché ormai il medium tutto è tranne che virtuale, rifuggendo da quanti invece pensano di non dover invadere la loro privacy, perché in ballo c’è l’esistenza, la vita, che non può essere lasciata alla mercé di autentici criminali che spingono i ragazzi a gesti estremi, carpendo con facilità la loro inesperienza ed innocenza».

Per Marziale: «È altresì necessario non lasciare i genitori soli. La scuola deve recepire l’educazione ai media come materia fondamentale d’insegnamento, per aiutare i minorenni, sin dalla più tenera età, ad elaborare correttamente i contenuti veicolanti, in attesa che le istituzioni internazionali riescano a superare la fase di stallo ed impotenza che li avviluppa al confronto con i mezzi di comunicazione, sempre più ingestibili.»

«I ragazzi, dal canto loro sappiano – conclude il Garanteche la Polizia sorveglia e basta davvero poco per finire indagati e condannati. Quando si è davanti al computer o al telefonino nessuno si illuda di essere da solo, perché è facile per gli inquirenti entrare nelle maglie delle loro attività e scoprire tutto di tutti».