Notizie, cronaca, sport, eventi della Città di Lamezia Terme

Cittadino Agricoltura

Mascaro e la sanità lametina

165 0

Il candidato a sindaco della città di Lamezia Terme, avv.  Paolo Mascaro ha incontrato ieri mattina, insieme ad alcuni candidati al consiglio comunale, rappresentanti dell’Associazione malati cronici, Tribunale dei diritti del malato -Cittadinanza Attiva, Sicurezza e Salute per Lamezia, Salviamo la Sanità nel lametino, Lamezia maltrattata, Fibromialgia.

Si sono passati in rassegna gli avvenimenti più importanti che hanno segnato, nel recente passato, la sanità lametina, dal processo di accorpamento dell’ASL di Lamezia Terme a quella di Catanzaro, al ridimensionamento dell’Ospedale Giovanni Paolo II (con la soppressione di numerose strutture, tra cui la Terapia Intensiva Neonatale e le Malattie Infettive), per poi arrivare all’approvazione del Documento Programmatico da parte della Struttura Commissariale regionale (DCA n. 124 del 20 settembre 2019), relativo al piano straordinario di interventi in materia di ristrutturazione edilizia, in cui è previsto l’adeguamento ed il potenziamento del nosocomio lametino, con interventi strutturali e tecnologici.

Si è condivisa la necessità di analizzare la sanità lametina dal punto di vista del paziente cittadino, evidenziando il ruolo sinergico che hanno le associazioni di volontariato, che si fanno portavoce dei bisogni di salute e delle criticità, e di chi sarà al governo della città, che può agire politicamente ai tavoli regionali e dell’Azienda Sanitaria, richiamando l’attenzione sulle criticità e promuovendo interventi appropriati.

Dalla discussione è emerso che è possibile promuovere azioni anche a breve termine, a costo zero, per dare segnali positivi di cambiamento, migliorando l’accessibilità alle strutture sanitarie e l’orientamento degli utenti, identificando locali più idonei per l’attesa dei pazienti, ottimizzando i tempi di prenotazione.

L’impegno è quello di costituire un tavolo permanente di monitoraggio per identificare i problemi emergenti, concertare azioni condivise e monitorare continuamente le esigenze dei pazienti cittadini che possono e devono trovare risposte ai loro bisogni, in tempi utili e nella nostra città.