Notizie, cronaca, sport, eventi della Città di Lamezia Terme

Cittadino Agricoltura

Meduse… sempre pronte a spruzzare

Consigli utili per far fronte e prevenire gli attacchi, durante queste giornate passate al mare
,
4.49K 0

Chi in questi giorni di riposo o di ferie riesce a farsi un buon bagno, nelle acque cristalline dei mari calabresi, potrà incontrare qualche abitante che non ci fa proprio simpatia. Anzi al quale siamo naturalmente e di fatto allergici.

Un abitante delle acque che solo al pensiero o alla vista ci fa andare in ansia o ci fa venire il prurito indiretto, prima di quello reale. Avete inteso che stiamo pensando alle care e pruriginose meduse abitanti dei nostri mari che con il loro procedere delicato, si avvicinano e ci lanciano un pò del liquido urticante da farci stare male per un paio di giorni. Al loro tocco è assicurato un prurito immediato.

Possiamo fare qualcosa? Certamente oltre a ricorrere ai consigli del medico o del dermatologo per affrontare le situazioni più delicate.

Dopo essere stati colpiti dal liquido urticante è preferibile lavare o comunque buttare acqua di mare nella zona interessata.

medusa-sulla-spiaggia

Questo consente di limitare i danni della tossina che non è ancora penetrata. E’ meglio evitare l’acqua dolce dicono gli esperti, perchè potrebbe favorire la rottura delle strutture urticanti delle meduse, rimaste sulla pelle. Nel momento in cui la medusa ci colpisce con i suoi tentacoli conviene avvicinarsi alla riva, mantenendo una certa calma, evitando di allarmare le persone e di gridare. Usciti dall’acqua dobbiamo cercare di pulire la pelle dai residui della medusa usando una superficie rigida di plastica o di metallo, cercando così di togliere i filamenti rimasti.Per diminuire il prurito, che ci ha prodotto il liquido urticante della medusa è consigliabile applicare sulla parte interessata, un gel astringente al cloruro d’alluminio. Questo sicuramente servirà a calmare il prurito e a bloccare la diffusione delle tossine.

Se i sintomi determinati dall’attaccato subito dalla medusa sono più ampi ed interessano varie parti del corpo, se subentrano mal di testa,nausea, vomito, vertigini, confusione è bene recarsi al pronto soccorso o chiamare il 118, perchè potremmo essere di fronte a situazioni più complesse o più estreme come lo choc anafilattico.

Augurandosi che l’attacco subito dalle meduse, sia sempre lieve  ed indiretto è bene comunque stare in allerta e prevenire o sapere come comportarsi.

Gli esperti consigliano di non strofinare sulla zona della pelle colpita, magari con sabbia o pietre come verrebbe istintivo. Naturalmente per precauzione i medici indicano di non esporsi ai raggi solari per alcuni giorni, onde evitare il formarsi di macchie scure durature. Ovviamente se vi capitasse un attacco di meduse consultate sempre un medico, per una valutazione più generale dei vari disturbi.

punture-di-meduse