Notizie, cronaca, sport, eventi della Città di Lamezia Terme

Cittadino Agricoltura

Minculpop al rovescio? La saga delle due delegazioni

,
182 0
Due delegazioni sanitarie straniere sono arrivate a Cremona per dar manforte ai colleghi italiani nella lotta contro l’epidemia di coronavirus.
La prima, composta da 60 persone tra medici e infermieri, ha allestito – di tasca propria – un ospedale da campo: 60 posti letto più 8 di rianimazione. Tutte le spese sono coperte dalla stessa delegazione.
La seconda, composta da 48 persone, è stata destinata a un ospedale gestito dal Comune. Sarà alloggiata e alimentata a spese del Comune e della Diocesi.
Nel darne notizia, il Corriere della Sera ha dedicato alla seconda delegazione una grande foto di copertina, e poi un servizio interno a ¾ di pagina. Mentre la prima riceveva appena un trafiletto di 10cm.
Perché questa differenza di trattamento?
La seconda delegazione è quella dei cubani che, con tanto di ritratto del leader comunista Fidel Castro, è sbarcata ieri a Malpensa. La prima, invece, appartiene all’ONG americana Samaritan’s Purse. Ovviamente, non tutti gli aiuti sanitari sono uguali.
In America Latina, l’esperienza delle Brigate mediche cubane si è saldata in disastro. Sono state espulse da tutti i Paesi, tranne che dal Venezuela. Lo scarso livello scientifico, sommato a una gran voglia di far propaganda politica in favore del socialismo, le ha trasformate rapidamente in persone non grate.