Notizie, cronaca, sport, eventi della Città di Lamezia Terme

Cittadino Agricoltura

Nazionalizzare la sanità

,
812 0

I militanti lametini di Forza nuova in occasione della visita del Ministro della Salute Lorenzin hanno affisso all’esterno dell’ospedale cittadino Giovanni Paolo II  uno striscione recante la scritta “Nazionalizzare la Sanità”. E’ questo che noi di Forza nuova proponiamo,un sistema sanitario che torni ad essere sotto il diretto controllo dello Stato e si metta cosi fine allo scandalo che dalla Sanità si possa trarre profitto

Lo scrive in una nota stampa la sezione lametina di Forza Nuova il quale reputa la gestione regionale della sanità quale fonte di “una nuova casta, clientelismo, corruzione e burocrazia, numerosi fondi illeciti della criminalità organizzata, specie nelle Regioni del sud come Campania, Puglia,Calabria e Sicilia. Ingenti somme di denaro in queste realtà sono passate nelle casse di partiti e politici attraverso false fatturazioni, tangenti e varie nomine illegittime”. Fn, in seguito, entra nei dettagli della situazione della nostra regione “in Calabria la ciliegina sulla torta è stata messa nella notte del maggio 2007 quando una Giunta regionale di centro-sinistra spazzò via, con un maxiemendamento approvato di notte,le aziende territoriali allora operanti, per istituire quelle provinciali, le Asp, tutto questo nell’ottica di un effettivo risparmio che si sarebbe dovuto verificare, ma che invece ha portato ad un odioso Piano di Rientro di un deficit sanitario aumentato considerevolmente e quindi con la necessità, secondo il machiavellico piano della politica,di ridurre i servizi portando alla chiusura ed al  ridimensionamento di molti ospedali in Calabria, come per esempio il nostro di Lamezia, dove alcuni reparti importanti e fondamentali, come quello del Centro Trasfusionale e della Tin,  rischiano seriamente la chiusura”. La nota stampa si conclude demonizzando la “demagogica” campagna elettorale, proponendo l’abolizione delle Regioni e la nazionalizzazione del sistema sanitario.