Notizie, cronaca, sport, eventi della Città di Lamezia Terme

Cittadino Agricoltura

Nessuna collusione con organizzazioni che nulla hanno a che vedere con il vangelo e con la carità

Lo ha sottolineato il neo Vescovo della Diocesi di Locri – Gerace, monsignor Francesco Oliva
578 0

“Stavo imparando ad essere parroco quando Papa Francesco mi ha chiamato a questa missione. Non era nelle mie attese. Ora devo imparare ad essere vescovo. Non sarà facile. Vi chiedo di avere pazienza con me e di pregare senza stancarvi per la nostra chiesa. Conto di avere sacerdoti da intendersi come operai a tempo pieno e non come funzionari o professionisti del sacro part time. No agli individualismi ed al soggettivismo”: così ha dichiarato monsignor Francesco Oliva, ordinato questo pomeriggio di domenica 20 luglio Vescovo di Locri – Gerace, avvenuta per imposizioni delle mani da parte del Segretario Generale della CEI, monsignor Nunzio Galantino.

Vi invito ad avere occhi sul mondo, divenendo modelli di coerenza, di rettitudine morale e di legalità. Nessuna collusione con organizzazioni che nulla hanno a che vedere con il vangelo e con la carità”,

ha poi proseguito il nuovo Pastore della Diocesi di Locri, che chiaramente ha voluto fare un riferimento diretto ai fatti dell’altro giorno con la sospetta processione di Oppido Mamertina.

Alla solenne concelebrazione liturgica, oltre ad altri Vescovi calabresi, ha partecipato anche l’arcivescovo di Campobasso Giancarlo Bregantini, che fu Vescovo di Locri dal 7 aprile del 1994 al gennaio 2008