Notizie, cronaca, sport, eventi della Città di Lamezia Terme

Cittadino Agricoltura

No, per favore NO ! La Vigor Lamezia non potrà fallire !

Chiamato direttamente in causa il Sindaco Paolo Mascaro, dal quale attendiamo, trepidanti, delle assicurazioni in merito.
,
2.11K 0

Che sia oggi la prima domenica a Lamezia Terme senza calcio giocato credo che non interessi proprio nessuno. E tutto questo non ad iniziare da oggi, ma dal momento in cui il “ giocattolino” biancoverde – che si stava affacciando prepotentemente su tutto il panorama calcistico nazionale – s’è sgonfiato per l’esito di alcune inchieste eclatanti e mortificanti.

Vien la voglia di aggiungere :

 c’era una volta la Vigor Lamezia!”.

Dietro a quel sogno abbiamo tutti inseguito momenti di gloria, entusiastiche pazzie di gioia, sani divertimenti e piccole ricadute che poi si sono ricomposte nel momento in cui alla guida della società di via Marconi c’erano degli uomini, e dei Presidenti, tipo Marcello Anastasio, Pepé Dattilo, il professore Diego Menniti, il signor Giovambattista Ventura, il Magistrato Michele Amatruda.

Tutti affermavano la necessità che Lamezia avesse delle competizioni calcistiche nelle categorie professioniste e, comunque, anche a livello di Serie B, per come stavano facendo con piena gloria altre società calabresi, come Catanzaro e Reggina, prime fra tutte; e poi Crotone e Cosenza.

Per la verità, anche con l’avvocato Paolo Mascaro si erano creati entusiasmi legittimi, poi smorzati e , via via progressivamente sciolte come neve al sole a causa di interessi sui quali non vogliamo esprimere una sola parola di commento a riguardo.

La delusione è stata tanta ed ha attanagliato anche chi, con la sola arma del giornalismo, era riuscito a portare nell’interno del sistema calcio locale  piccole – grandi comunità tifoide con il pallino dei sogni di gloria.

Assieme a chi firma questo “editoriale”, c’erano amici veri: da Demetrio Russo ad Antonio Gigliotti; da Pepé Pandolfo a Remo Miloro; per arrivare poi ai vari fratelli Critelli, Franco Caruso, Pasqualino Rettura, Virgilio Colloca e alcuni altri ancora  ai quali indirizzo le mie espressioni di scusa profonda per non averli ora citati , ma che sono nel profondo del cuore.

Oggi è una domenica di tristezza, pur se i miei 53 anni al seguito della Vigor mi danno la forza di crederci ancora.

Oggi non è, e non potrà essere mai, l’incipit di una serie di domeniche senza competizioni agonistiche e senza la voglia matta di credere ad un domani migliore.

All’amico Sindaco Paolo Mascaro giunga il mio invito ( e lo faccio a nome di tutta la tifoseria), a profondere ogni energia al pari, e certamente ancor di più, di quando calpestava i campi di gioco al comando di una Società che cercava di sbarcare il lunario e di mettere piede nel “ calcio che conta”.

A Lamezia ( e non glielo devo ricordare io !) ci sono tanti titolari di imprese ben avviate che possono investire nel calcio. In queste ultime ore, spuntano nomi di possibili “ salvatori della Vigor” : dal Presidente del Cosenza, Guarascio, all’imprenditore Caruso ed allo stesso Arpaia. E, molto probabilmente ( dal come si sussurra in giro) lo stesso Paolo Mascaro avrebbe nella manica nominativi di altre persone che potrebbero rilevare la Società, altrimenti sulla via del fallimento a causa di mancate iscrizioni e di ingenti debiti. Ma, a proposito, quant’è questa montagna di debiti e perché sono stati fatti lievitare?

Qui ci vuole chiarezza estrema e decisioni concrete, immediate, coraggiose. E’ stato solo detto: “ cediamo la società a costo zero”, pur sapendo che il passivo da capogiro c’è, e come !

Oltretutto qui si vede di che pasta è fatta un Assessore allo Sport, che deve fare da trade d’union tra società e Sindaco, tra Sindaco e possibili acquirenti: altrimenti a cosa servirebbe una figura così importante?

Sindaco Mascaro: lei è a conoscenza di quale spessore sia il mio attaccamento alla Vigor Lamezia ed è per questo motivo che ho redatto questo pezzo, che non è per creare polemiche o altro. Al letto di un moribondo si fa di tutto per cercare di salvare una vita.

Al Consigliere Piccioni, che è intervenuto politicamente sull’argomento, lei potrà  rispondere “ politicamente”, cercando  di bloccare le valvole di sfogo che decisamente potranno essere esplosive. Al sottoscritto risponda invece con la mano sul cuore, trepidante per questa nostra amata Vigor, così come facevamo quando ogni domenica il calcio ci regalava indimenticabili emozioni!

Mi darà questo onore e questa gioia? Ne sono certo.