Notizie, cronaca, sport, eventi della Città di Lamezia Terme

Cittadino Agricoltura

Nocera, seminario con il maestro di chitarra Podera

Alla ricerca delle potenzialità espressive dello strumento a corda
,
378 0

Il 24 Marzo 2017 si è tenuto a Nocera Terinese (CZ), presso le sedi della Biblioteca Comunale “Ernesto Pontieri”, il Seminario  sulla Didattica Chitarristica “Guida ai metodi e al repertorio pedagogico dagli autori dell’Ottocento ai contemporanei”, tenuto dal M° Giovanni Podera; interessante incontro che ha visto partecipare numerosi interessati, per lo più giovanissimi, provenienti da Calabria e Sicilia.

Considerato come uno dei più interessanti chitarristi-compositori e musicologi della sua generazione, Giovanni Podera promuove da anni con determinazione l’evoluzione della potenzialità espressive della chitarra.  Come interprete   e come compositore si è aggiudicato il primo premio in numerosi concorsi nazionali e internazionali. Molti anche i riconoscimenti alla carriera .

Attivissimo in campo editoriale ha pubblicato sue composizioni, testi musicologici e trascrizioni per le case editrici Bèrben, Curci, Sinfonica e Ottocento. Suoi lavori sono presenti anche in varie Antologie di musica contemporanea e sono incisi ed eseguiti da interpreti di tutto il mondo.

Ritenuto fra i più rinomati e attendibili revisori ha inoltre pubblicato volumi dedicati ai principali chitarristi del passato   realizzati anche in collaborazione con Massimo Agostinelli, Angelo Gilardino e Giulio Tampalini con cui negli ultimi tempi ha dato vita ad una collana di opere monografiche, diteggiate e revisionate, pubblicata dalla casa editrice Curci  .

Per anni presidente dell’Associazione Bervenuto Terzi, ha svolto una funzione di primissimo piano nella promozione e divulgazione del repertorio per chitarra.
Alla poliedrica attività artistica e di ricerca musicologica, affianca quella didattica: è da anni insegnante di chitarra presso il conservatorio di Bergamo, dove è stato docente anche di Metodologia dell’insegnamento strumentale e ha ricoperto il ruolo di Supervisore.

Il seminario, promosso e voluto dal M° Enza Sciotto, assieme al M° Salvatore Mamone, docenti del Conservatorio Tchaikovsky di Nocera Terinese, si è svolto al culmine della Masterclass di Alto Perfezionamento sulla Prassi Chitarristica tenuto dal M° Giulio Tampalini.

Il Seminario ha avuto inizio dalle origini della storia chitarristica, a partire dall’epoca Rinascimentale fermando l’attenzione sull’antica tecnica delle intavolature. Procedendo, in un excursus storico, si è posto il segno sui grandi autori della letteratura chitarristica dell’800 quali: Sor, Giuliani, Carcassi, Carulli, Legnani, Sagreras, assieme ad autori ritenuti erroneamente di second’ ordine quali Molitor e Matiegka; fino ad arrivare al pre-romanticismo  del XIX secolo con Mertz e al romanticismo vero e proprio, italiano, di Regondi e, spagnolo, di Tarrega, attraverso il quale si voltò decisamente le spalle allo stile sinfonico per concentrarsi sulla vocalizzazione delle linee e su una vocazione timbrica dello strumento.

Parallelamente all’evoluzione della letteratura chitarristica, si è ovviamente dibattuto sull’evoluzione dello strumento stesso.

La chitarra rinascimentale, armata di quattro “cori” mutò Nella seconda parte del sec. XVI, quando vi si aggiunse il quinto coro al grave. Sul finire del sec. XVIII, lo strumento abbandonò i raddoppi delle corde ma acquistò una sesta corda al grave e con queste sembianze in un primo tempo fu chiamata “chitarra francese”. Lo strumento subì un’ulteriore maggiorazione della cassa armonica, nonché un innalzamento della tastiera rispetto al piano armonico, ad opera del liutaio Antonio Torres, nella seconda metà del sec. XIX.

Sul finire, dell’interessantissima e fruttuosa lezione, visto anche l’entusiasmo del numeroso pubblico presente, il M° Sciotto insieme al M° Podera, hanno   tenuto a precisare che l’incontro tenutosi non sia stato altro che un primo di tanti che a partire dell’anno accademico 2017/2018 lo rivedranno protagonista.

Infatti, a partire dall’Ottobre 2017 inizierà un ciclo seminari annuali dedicati alla storia della prassi chitarristica nei quali verranno trattati approfonditamente le varie fasi della storia della Chitarra, attraverso Autori, cenni storici e  collegamenti interdisciplinari.