Notizie, cronaca, sport, eventi della Città di Lamezia Terme

Cittadino Agricoltura

Nomina nuovo C.d.A. della SACAL: REPLICA dell’ing. Manlio Guadagnuolo a Comunicato stampa del Meetup 5 Stelle del 04 maggio

,
329 0

Articolo pubblicato con riferimento al comunicato stampa del Meetup 5 Stelle del 4 maggio u.s., avente ad oggetto l’Assemblea dei Soci della S.A.CAL. S.p.A. del 2 maggio u.s. e la nomina del sottoscritto nel nuovo C.d.A..
Richiesta di replica, ai sensi della legge sulla stampa.

Gentilissimo Direttore,
con riferimento all’articolo in oggetto, Le rappresento che lo stesso contiene asserzioni totalmente inveritiere, che inevitabilmente finiscono per essere lesive dell’immagine e dell’onorabilità professionale del sottoscritto. Pertanto, Le chiedo cortesemente di voler pubblicare integralmente, e con pari evidenza, anche per ciò che concerne il risalto da dare sulla locandina, la seguente mia replica:

Le affermazioni del Meetup 5 Stelle sono totalmente prive di fondamento fattuale e giuridico. Peraltro, il Movimento 5 Stelle di Bari, e più in generale quello pugliese, non ha “mai” mosso contestazioni scritte o verbali nei miei confronti nè sulla mia gestione alla guida del porto di Bari.
In primo luogo, al contrario di quanto asserito nel comunicato stampa del Meetup 5 Stelle, mi risulta che, pur essendo io totalmente estraneo alla sua gestione dal marzo 2010, la società Bari Porto Mediterraneo ad oggi non sia stata dichiarata fallita né sia stato adottato alcun provvedimento equipollente al fallimento.
Ho già evidenziato, nel mio curriculum vitae agli atti della S.A.CAL. S.p.A., i risultati di gestione da me conseguiti nell’ambito delle esperienze manageriali svolte in qualità di Commissario aggiunto dell’Autorità Portuale di Bari (dal gennaio al dicembre 2006) e di Amministratore Delegato della Bari Porto Mediterraneo (dal giugno 2006 al marzo 2010 – società concessionaria delle stazioni marittime e dei servizi di supporto ai passeggeri nel Porto di Bari, per traghetti e crociere).
Le mie affermazioni sono pienamente supportate dagli atti ufficiali e, in particolare, dai rendiconti generali dell’Autorità portuale di Bari e dai bilanci della Bari Porto Mediterraneo, accessibili a tutti.
Negli anni relativi alla mia gestione, i risultati dei bilanci di esercizio della Bari Porto Mediterraneo si sono rivelati più che lusinghieri, riportando avanzi di amministrazione “sempre” ben evidenti, tanto da ricevere, in occasione delle Assemblee dei Soci e dei C.d.A. (come si può evincere dai relativi verbali), il plauso dei Soci (tra cui l’Autorità Portuale di Bari, detentrice del 30% delle quote societarie) e dei Consiglieri di Amministrazione della Società.
Nella relazione conclusiva di un’autorevole commissione ministeriale (del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti) è riportato testualmente che la mia gestione del porto di Bari è stata “ottima”.
In una comunicazione ufficiale dell’Amministratore Delegato di Venezia Terminal Passeggeri S.p.A., socia della Bari Porto Mediterraneo e società più importante in Italia nel settore, la mia gestione è stata definita “eccellente”.
A testimonianza dei pregevoli risultati dei traffici portuali realizzati durante la mia gestione, si riportano di seguito i dati dei traffici traghetti e crociere nel Porto di Bari, ricavabili dai documenti ufficiali e dal sito internet dell’Autorità Portuale di Bari:

• il traffico passeggeri complessivo (traghetti e crociere) dal 2005 al 2009 ha registrato un incremento del 35%;

• il traffico crocieristico dal 2005 al 2009 ha registrato un incremento del 105%;

• a fine anno 2009 (ultimo anno della mia gestione), il traffico passeggeri complessivo ha raggiunto 1.961.283 passeggeri ed il traffico crocieristico ha registrato 567.885 passeggeri;

• dall’anno 2006 il Porto di Bari è diventato porto “leader” nell’Adriatico con riferimento al traffico passeggeri, avendo superato anche il porto di Venezia;

• anche il traffico ro-ro (trasporto rotabili) dal 2005 al 2009 ha registrato un sensibile incremento, soprattutto con riguardo ai collegamenti con Albania e Grecia (da 143.095 unità nel 2005 a 172.772 unità nel 2009).

I servizi ai passeggeri del Porto di Bari, gestiti in esclusiva dalla Bari Porto Mediterraneo, hanno raggiunto standard qualitativi tali da essere considerati tra i migliori nel panorama italiano.
La mia partecipazione alle più importanti manifestazioni fieristiche internazionali del settore crocieristico (tra cui il Seatrade di Miami), associata al miglioramento continuo dei servizi ai passeggeri, ha consentito di attrarre nuove compagnie del calibro della Royal Caribbean, Silversea e Seabourn.
Tutto ciò mi ha permesso di conseguire numerosi attestati e riconoscimenti in ambito nazionale ed internazionale (agli atti), tali da far assurgere il Porto di Bari ad un ruolo di primaria importanza nell’intero bacino del Mediterraneo.
“Successivamente alla mia gestione”, nonostante gli eccellenti risultati (anche economici) della Bari Porto Mediterraneo, alcuni soci della Bari Porto Mediterraneo, su iniziativa dell’Autorità Portuale, hanno deciso di dismettere le attività della B.P.M., trasferendole in capo all’Autorità Portuale, e di mettere in liquidazione la società; da quanto mi risulta, tuttora in corso.
Ovviamente ciò che è accaduto dal momento in cui è cessata la mia carica non afferisce minimamente alle mie scelte, alle mie decisioni e alla mia gestione. “Giammai” sono stato sfiorato da alcun minimo sospetto per condotte lesive dell’interesse pubblico.
Mi preme, infine, evidenziare, che sono stato promotore di numerose iniziative e denunce, per la lotta alla criminalità organizzata, nei confronti delle infiltrazioni malavitose nel porto di Bari, che sono state oggetto di interrogazioni parlamentari, Commissione d’indagine del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, audizioni della Commissione Parlamentare Antimafia, nonché, come riportato da svariati organi di stampa pugliesi, di indagini della Procura della Repubblica di Bari tuttora in corso.
In conclusione, la mia attività gestionale è stata sempre caratterizzata da competenza, operosità, efficienza e proficuità; la mia condotta gestionale è stata sempre contraddistinta da correttezza, cristallinità e integrità morale.
In merito alle mie esperienze in ambito aeroportuale, le stesse sono riportate nel mio curriculum vitae agli atti della S.A.CAL. S.p.A.. Tra queste, ne spicca una in ambito internazionale nella Repubblica d’Albania, nella quale ho rivestito il ruolo di Consigliere Tecnico del Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti. Colgo l’occasione per esprimere tutto il mio entusiasmo e per assicurare il mio massimo impegno in questa nuova importante sfida, volta a far sì che il sistema aeroportuale calabrese possa esprimere tutto il proprio potenziale, in termini di efficienza e di produttività, per le ricadute socio-economiche che ne deriveranno per l’intero territorio di riferimento.
La ringrazio per la cortese disponibilità e Le porgo i miei più cordiali saluti.
ing. Manlio Guadagnuolo