Notizie, cronaca, sport, eventi della Città di Lamezia Terme

Cittadino Agricoltura

Notte d’inferno al Pugliese per la chiusura di pediatria Lamezia, la Fsi ricorre ai prefetti

,
659 0

Mentre la politica continua a pensare , ripensare , riflettere ma soprattutto a cincischiare , magari in attesa di rispettare con scrupolosa osservanza tutte le regole previste dal libro dei libri ovvero il “ manuale Cencelli “ , sulle nomine della sanità calabrese questa va ormai a rotoli.

Esordisce così Sarah Yacoubi , segretario territoriale FSI di Catanzaro , Yacoubi_Infermieratuonando contro l’indifferenza della politica di fronte a quella ormai emergenza routinaria che ormai è degenerata in “ catostrofe “

Ieri ennesimo capitolo di questa straziante agonia con la chiusura, per mancanza di personale, del reparto di pediatria dell’ospedale di Lamezia i cui piccoli pazienti sono stati dirottati presso il corrispondente reparto del “ Pugliese “ i cui posti letto erano però già saturi.

Il dottor Raiola , primario f.f. del reparto di pediatria del Pugliese decide così , in barba ai tagli ed ai vincoli numerici ,soprattutto al fine di scongiurare un nuovo caso Nicole, dopo aver saturato anche i posti letto in chirurgia pediatrica di aprire anche il reparto di pediatria universitaria normalmente adibito a day-hospital .

Il personale del reparto pur trovandosi dinanzi ad un’utenza più che raddoppiata con stoico eroismo si è prodigato nelle ore pomeridiane e notturne a sopperire all’emergenza , qualcuno ha rischiato di crollare a causa della fatica e dello stress ma ha tuttavia tenuto duro senza mollare . Davvero encomiabili !

Simili casi, dovuti alle note carenze di personale, stanno ormai sanitadiventando routinari in tutti gli ospedali calabresi determinando in tal modo disfunzioni ormai insanabili , per cui gli ospedali sono nel caos assoluto e nella regione, in assenza di precise direttive, regna l’anarchia gestionale e amministrativa cui i più volenterosi anche a rischio di sbagliare cercano di mettere delle pezze che però sono sempre più piccole del buco. La sanità calabrese è oggi paragonabile ad un’auto senza controllo .

Per questo motivo , continua la Yacoubi , nelle prossime ore la F.S.I. chiederà ai prefetti di prendere in mano la situazione.