Notizie, cronaca, sport, eventi della Città di Lamezia Terme

Cittadino Agricoltura

Oggi la commemorazione dei due netturbini Francesco Tramonte e Pasquale Cristiano

La riflessione di Massimo Cristiano : “Riteniamo doveroso non dimenticare due giovani lametini, all'epoca dei fatti dipendenti comunali, vittime innocenti uccisi durante lo svolgimento del proprio lavoro”.
648 0

Riceviamo e pubblichiamo

Come consuetudine il Movimento Mtl-Nuova Lamezia parteciperà oggi 24 maggio alla commemorazione, nella chiesa di Santa Lucia, dei due netturbini Francesco Tramonte e Pasquale Cristiano, quest’ultimo cugino dell’ex  Consigliere Comunale Massimo Cristiano, barbaramente uccisi sul posto di lavoro il 24 maggio 1991. Riteniamo doveroso non dimenticare due giovani lametini, all’epoca sei fatti dipendenti comunali, vittime innocenti uccisi durante lo svolgimento del proprio lavoro.

Il 24 maggio del 1991, molti di noi erano poco più che bambini e alcuni non erano neppure nati e naturalmente non conoscono completamente questa triste vicenda di cronaca, una delle pagine più buie per la nostra città, una  strage perpetrata a danno di due onesti lavoratori, che ha distrutto due famiglie perbene, una ferita ancora aperta per la nostra comunità, che non ha avuto giustizia. Una vicenda con molti lati oscuri, che non ha avuto “risposte” ai tanti quesiti posti in essere in tutti questi anni dai familiari. È il momento di ricordare anche la figura zio Vincenzo Cristiano, papà del povero Pasquale venuto a mancare, tanti anni fa’, fautore di tante battaglie civili,  invocando giustizia che purtroppo non è mai arrivata. È importante non  dimenticare quanto accaduto quella drammatica mattina a due giovani lametini, figli di questa terra tanto bella ma allo stesso tempo tanto difficile, che credevano fermamente nel lavoro e nella famiglia.  Quello di domani  sarà un ricordo, che deve avere necessariamente come destinatario l’attuale generazione, per omaggiare due concittadini onesti scomparsi prematuramente e senza un motivo, all’alba di un giorno ormai lontano, che a distanti di 28 anni non hanno ancora avuto giustizia.

Massimo Cristiano