Notizie, cronaca, sport, eventi della Città di Lamezia Terme

Cittadino Agricoltura

Operazione Edilizia Scolastica a Lamezia

Chiesto il finanziamento al Premier Renzi per i lavori all'istituto Maggiore Perri
658 0

L’Amministrazione comunale di Lamezia Terme, rispondendo alla lettera del premier Renzi sull’edilizia scolastica inviata nel marzo scorso ed indirizzata a tutti i sindaci italiani, aveva immediatamente indicato la Maggiore Perri come scuola della città da sistemare.
Nei giorni scorsi, proseguendo nell’iter dell’operazione edilizia scolastica, così come definita dal Governo, ha comunicato il finanziamento necessario per gli interventi sull’istituto e definito il cofinanziamento da parte del Comune: 2,65 milioni di euro. Il Comune parteciperà alla spesa con una quota di cofinanziamento di 630 mila euro così distribuita negli prossimi 3 anni: 230 mila euro nel 2015; 200 mila euro nel 2016; 200 mila euro nel 2017.

L’istituto Maggiore Perri è il l’edificio scolastico più antico e anche più frequentato della città che accoglie 35 classi della scuola primaria ed un numero di 870 alunni. La sua realizzazione risale in parte ai primissimi anni del ‘900 (piano seminterrato ed ex refettorio), in parte agli anni 40/45 (piano terra e primo piano).
Dalla sua completa realizzazione ad oggi non si è mai proceduto ad una ristrutturazione dell’immobile: è necessario effettuare pertanto una completa ristrutturazione al fine di eliminare ogni possibile rischio per i bambini, i loro genitori, il personale della scuola ed eliminare le attuali condizioni negative per la fruibilità degli spazi.

Il progetto di ristrutturazione è volto a migliorare le condizioni di sicurezza sismica dell’edificio, ad abbattere le barriere architettoniche, ad adeguare l’istituto alle norme antincendio e, per finire, ad adeguarlo igienicamente (come da D.M. 18/12/1975).

Per tali interventi è stato approvato un progetto preliminare complessivo di 3,15 milioni di euro: progetto diviso in lotti funzionali autonomi che possono essere finanziati autonomamente. Esiste già anche un progetto preliminare, per un primo lotto di 950.000 euro inserito nel piano triennale delle Opere pubbliche con la voce “Entrate vincolate”.