Notizie, cronaca, sport, eventi della Città di Lamezia Terme

Cittadino Agricoltura

Operazione TRIADE dei Carabinieri di Lamezia Terme: 4 cinesi arrestati e 2 ancora ricercati

Identificati ed arrestati i responsabili della rapina e del sequestro di persona del giugno scorso
975 0

Si è conclusa in questi giorni un’operazione della Compagnia dei Carabinieri di Lamezia Terme relativa all’identificazioni di alcuni cittadini di nazionalità cinese, resisi responsabili nel giugno dello scorso anno 2013 di aver perpetrato una rapina con sequestro di persona ai danni di una loro connazionale. Nello specifico l’attività si è articolata in due fasi. Nella prima, i militari della sezione radiomobile sono intervenuti presso l’abitazione della donna (sita in Via del Mare) liberando la stessa e riuscendo nel giro di pochi minuti, durante le fasi ancora concitate della rapina e contraddistinte dalla paura, a bloccare due dei 6 autori dell’efferata azione, ovvero LIAO Xiangdao, classe 69, e ZHOU Bang Zuo, classe 74.

Dai primi indizi raccolti nonché dalle informazioni successivamente acquisite, si sviluppava la seconda fase dell’Operazione, ovvero mediante una serrata attività d’indagine consistita nell’acquisizione di filmati audiovisivi, di informazioni e testimonianze nonché di analisi venivano individuati, nel giro di pochi mesi, degli altri 4 autori dell’azione delittuosa che aveva fruttato alla banda un laudo bottino di oltre 50 mila euro in contanti. Le risultanze investigative raccolte dagli inquirenti, nonché le accertate modalità della “banda” di cinesi, riscontrate peraltro in altre località soprattutto in Veneto e Toscana, cristallizzate peraltro quali proprie della criminalità cinese permettevano di raccogliere importanti elementi per l’emissione, da parte della Procura della Repubblica di Lamezia Terme, di Ordinanze di Custodia Cautelare in carcere. Per tali motivazioni, venivano tratti in arresto WANG Dingzhong, classe 72, e NI Shanhua, classe 77, rispettivamente a Padova, mentre sono stati deferiti altri 2 soggetti per le medesime ipotesi di reato, tutt’ora in fase di rintraccio, ed una donna per favoreggiamento.

Con la predetta attività i Carabinieri lametini sono riusciti ad aprire un piccolo squarcio all’interno di un sistema e una cultura criminale ancora in fase di analisi da parte di molte forze di polizia.