Notizie, cronaca, sport, eventi della Città di Lamezia Terme

Cittadino Agricoltura

E’ opportuno che si programmi un sopralluogo al ‘GRANDE ALBERGO DELLE FATE’ della Sila Piccola-

E’ auspicabile che il Comune di Taverna, il Parco nazionale della Sila, la Regione e il Governo individuino una strategia e le risorse necessarie per mettere in sicurezza uno dei simboli più prestigiosi delle bellezze della nostra montagna e dell’intraprendenza imprenditoriale calabrese”.
341 0

 “Gli assessori alla Cultura e al Turismo della Regione che presto si insedieranno e la Commissione competente del Consiglio regionale che investirò del problema è opportuno che programmino un sopralluogo al ‘Grande Albergo delle Fate’ della Sila Piccola, per rendersi conto della gravità in cui versa questo ‘monumento nazionale’ eretto nell’anno della ‘grande depressione’. Sarebbe un buon inizio – afferma il consigliere regionale di ‘Io Resto in Calabria’ Francesco Pitaro – e la dimostrazione che in Calabria s’intende dare un taglio alla disattenzione verso i nostri beni culturali e turistici senza la cui salvaguardia nessuna crescita sarà possibile”. Aggiunge il consigliere regionale: “La riparazione tempestiva del tetto  (da parte della proprietà)  colpito dall’incendio dei giorni scorsi è apprezzabile ma non soddisfacente. Vista la condizione di fragilità in cui l’Albergo delle Fate versa, è necessario capire se c’è la possibilità di un rapido intervento di manutenzione generale o se bisogna attendersi che il prossimo incendio lo mandi in fumo per sempre. Condivo – conclude Francesco Pitaro – l’interrogazione dell’on. Wanda Ferro che  chiede al Ministero dei Beni Culturalil’avvio di interventi di conservazione strutturale e per la successiva valorizzazione’, ma siccome qui il tempo non è una variabile indipendente è auspicabile che il Comune di Taverna, il Parco nazionale della Sila, la Regione e il Governo individuino una strategia e le risorse necessarie per mettere in sicurezza uno dei simboli più prestigiosi delle bellezze della nostra montagna e dell’intraprendenza imprenditoriale calabrese”.