Notizie, cronaca, sport, eventi della Città di Lamezia Terme

Cittadino Agricoltura

Il “panino della fiera” ora è anche per celiaci

Successo oltre le aspettative per l'iniziativa dell'AIC Calabria
,
1.39K 0

Panini per tutti, anche per chi è costretto a convivere con la celiachia.

E’ questo lo scopo dello stand “Panino a km 0 – Gluten free”, organizzato dall’Associazione Italiana Celiachia Calabria durante la tre giorni della fiera di S. Antonio. Uno stand per offrire anche ai numerosi celiaci che vivono in città, il classico panino della fiera che ha sempre la sua forte attrazione, ma che per molti, fino ad ora, è stato soltanto un desiderio da replicare, tutt’al più, a casa propria.

A spiegare l’iniziativa è Salvatore D’Augello, responsabile delle attività sportive dell’Aic Calabria e sostenitore impegnato in prima fila nello stand di via Ponte S. Antonio.

L’idea di questo evento nasce dal fatto che, come Associazione italiana celiachia, cerchiamo di sensibilizzare quanto più possibile la popolazione a questo fenomeno in crescente e dilagante aumento

Per i meno informati, va precisato che la celiachia è un’intolleranza permanente al glutine, una proteina contenuta nel grano ed in diversi altri cereali e che, secondo i dati, colpisce un individuo ogni cento. In Calabria, dove il disturbo è particolarmente diffuso, dagli ultimi report sanitari, risulterebbero esserci circa 7mila celiaci.

Non un problema di cui vergognarsi, ma un disturbo serio che spesso passa inosservato, in secondo piano e su cui occorre informare tutta la gente. E così da Lamezia parte questa novità, creata in collaborazione con  “Sapori d’altri tempi” e “Sapori senza glutine”, due realtà cittadine attente ai prodotti di qualità.

Lo stand culinario sarà attivo ancora questa sera per poi riaprire i battenti in occasione della fiera dei Santi Pietro e Paolo, il 28 e 29 giugno prossimi. Nuovamente attivo, poi, anche in occasione del concerto di Rocco Hunt, nell’area concerti del centro commerciale Due Mari il 30 giugno.

Non possiamo che essere soddisfatti del grande riscontro ottenuto – ha spiegato ancora D’Augello – la gente si è meravigliata di ciò che siamo riusciti a fare ed è rimasta favorevolmente colpita dall’iniziativa; così nel nostro piccolo anche noi cerchiamo di dare il nostro contributo.

L’attività dell’Aic prevede, per i soci e non, numerosi convegni, insieme a personalità del mondo medico e scientifico, per discutere e conoscere il disturbo, ormai, a differenza di anni addietro, facilmente superabile attraverso una corretta alimentazione priva di cibi che contengano glutine. A ciò si aggiungono le attività sportive promosse dal settore dedicato dell’associazione, che contribuiscono alla corretta informazione ed alla sensibilizzazione sul problema, attraverso il linguaggio universale dello sport e del divertimento.