Notizie, cronaca, sport, eventi della Città di Lamezia Terme

Cittadino Agricoltura

Paola: densa di significati la seconda giornata regionale dei giovani.

La consulta regionale di Pastorale giovanile, il cui delegato è il Vescovo di Cassano all'Jonio, Monsignor Francesco Savino, ha proposto ai giovani delle diocesi di Calabria una riflessione esperienziale sulle opere di misericordia corporali e spirituali-
505 0

Nonostante la rigida giornata di vento e pioggia, s’è svolta regolarmente a Paola la seconda giornata regionale dei giovani,  organizzata  dalla Consulta regionale di Pastorale Giovanile e promossa dalla Conferenza Episcopale Calabra.

“Beati i misericordiosi perché troveranno misericordia” è la traccia giuda di una intensa giornata per aprire il cammino verso la Giornata Mondiale della Gioventù in programma a Luglio nella città di Cracovia, e focalizza anche l’attenzione pastorale sul tempo di grazia del Giubileo della Misericordia iniziato lo scorso 8 dicembre con l’apertura della porta Santa ad opera di Papa Francesco.

La consulta regionale di Pastorale giovanile, il cui delegato è il Vescovo di Cassano all’Jonio, Monsignor Francesco Savino, ha proposto ai giovani delle diocesi di Calabria, accompagnati dagli incaricati territoriali della pastorale giovanile, una riflessione esperienziale sulle opere di misericordia corporali e spirituali, inserite in un “pellegrinaggio” dentro i luoghi del santo calabrese a Paola, prima di vivere la festa con la gioia e la musica dei “Cantiere Kairos”, gruppo musicale di musica cristiana, e celebrare l’eucarestia che concluderà la giornata di fraternità e preghiera alla luce del Vangelo.

La giornata è stata anche l’occasione per lanciare, come anticipato, il cammino di preparazione verso la Gmg di Cracovia alla quale la Calabria parteciperà come Chiesa con una delegazione regionale che ha già mosso i primi passi e che ora traccerà il cammino di organizzazione e preparazione spirituale per questo grande appuntamento con Papa Francesco nei luoghi del Pontefice Santo, Giovanni Paolo II.