Notizie, cronaca, sport, eventi della Città di Lamezia Terme

Cittadino Agricoltura

Per il consigliere Cristiano, finanziare i clandestini è uno schiaffo ai lametini che soffrono

MTL promette manifestazioni di piazza e gesti plateali con disoccupati, esodati, senza tetto.
618 0

“Mantenere il finanziamento di ben 65.000 nei capitoli di bilancio 2014-2015-2016, a favore gli immigrati clandestini (cosa differente dagli immigrati regolari) per il tramite di alcune cooperative sociali, usando aziende e cittadini come un bancomat, con le casse comunali in rosso (meno)-3.200.000 euro, in una città dove insiste un alto tasso di disoccupazione, con attività commerciali e imprenditoriali al collasso, il tutto mentre gli italiani vengono licenziati, perdono la casa, vengono sfrattati, è un qualcosa di molto grave e offensivo, uno schiaffo ai lametini”.

Cosi si esprime il consigliere comunale Massimo Cristiano, esponente di MTL,” avevo chiesto, tramite una dettagliata mozione, di destinare tale somma a favore delle giovani coppie, disoccupati, sfrattati, anziani, a quelle famiglie lametine italiane che vivono sotto la soglia di povertà, un atto di giustizia sociale, avevo chiesto che il Comune si comportasse come il buon padre di famiglia che pensa prima a sui concittadini e dopo a chi viene da fuori, invece ha prevalso l’ interesse a finanziare, tramite le solite cooperative, la piscina comunale, vitto, alloggio, vestiti, viaggi, agli immigrati clandestini( richiedenti asilo o rifugiati in alcuni casi), invece che aiutare una famiglia italiana a pagare la bolletta dell’ Enel, ho chiesto di non vergognarsi a pronunciare la parola Italiani”.

Nella sua nota il consigliere Cristiano sostiene che “il risultato del voto in consiglio comunale, deve far riflettere, ma non mi sorprende certo, in una città governata da Sel, PD e Grandinetti per Lamezia non mi aspettavo miracoli in tal senso, ma la cosa che emerge e che esiste purtroppo su certi argomenti un pensiero unico pericoloso, che va dalla sinistra estrema fino a quell’ area dei cosiddetti moderati, con un centro destra a Lamezia sbilanciato verso il centro, che ha letteralmente paura di affrontare certi argomenti.

Non mi sento di condannare nessuno, se le diversità e le posizioni politiche sono manifestate, in modo chiaro, per questo motivo ai consiglieri dell’ UDC che non si sono presentati in aula dico che era meglio se non avessero firmato la mozione.

Si comincia a delineare uno spaccato netto sui temi e sugli argomenti, il politicamente corretto dilaga in questo consiglio comunale e infatti i pessimi risultati sono sotto gli occhi di tutti, ringrazio il gruppo di Forza Italia, che con gli opportuni distinguo ha sostenuto la mozione mantenendo fede alla parola data.Come Movimento Territorio e Lavoro ci poniamo come una forza solida e compatta alternativa a questa sinistra lametina che ha mortificato i lavoratori e i cittadini preferendo loro come nel caso in oggetto, gli immigrati clandestini, una sinistra che costruisce villettine ai rom e se ne vanta.La nostra posizione è chiara e netta, se di tutelare i lametini questo questa amministrazione comunale non ne vuole sapere siamo pronti ad azioni plateali, presto porteremo in piazza i lametini disoccupati, gli esodati, i senza tetto, gli sfrattati, gli anziani con la pensione minima e tutti gli esclusi da un comune che dimentica i propri figli e i propri padri”.