Notizie, cronaca, sport, eventi della Città di Lamezia Terme

Cittadino Agricoltura

Precisazione del Tchaikovsy di Nocera sul Lamezia Classica Festival

747 0
Precisazione del Tchaikovsy di Nocera sul Lamezia Classica Festival

In merito all’articolo apparso sulla pagina di Lamezia della Gazzetta del Sud in data 04.11.2014 e su alcuni organi d’informazione web di Lamezia Terme a firma dell’Associazione Musicale Bequadro di Lamezia Terme (CZ), si segnalano le seguenti precisazioni.

Il Conservatorio di Musica “P.I. Tchaikovsky” di Nocera Terinese, promotore di “Lamezia Classica Festival”, con nota prot. 2194 del 31 Luglio 2014 presentava all’Amministrazione Comunale di Lamezia Terme formale richiesta per la realizzazione della quarta edizione della nota stagione sinfonica e cameristica. Il progetto artistico presentato all’Amministrazione Comunale prevedeva: la collocazione stabile dell’Orchestra Filarmonica della Calabria nella città di Lamezia Terme; la realizzazione di 10 grandi appuntamenti sinfonici con solisti e attori di calibro internazionale quali L.Bacalov, M.Pierobon, E.Iacchetti, R.Galliano, etc.; il tradizionale concerto di Capodanno con ingresso completamente gratuito; 7 appuntamenti di cameristica e laboratori settimanali di ascolto guidato gratuiti per gli tutti gli studenti delle scuole medie e superiori della città. La realizzazione dell’attività artistica programmata non prevedeva alcuna spesa a carico dell’Amministrazione Comunale, eccetto la concessione gratuita degli spazi teatrali, quali: Teatro Grandinetti per n.35 giornate stagionali e Teatro Umberto per n.7 giornate, con annessi servizi. Infatti, l’intero piano economico e finanziario sarebbe stato sostenuto esclusivamente dal Conservatorio di Musica “P.I.Tchaikovsky” di Nocera Terinese per un ammontare complessivo, previsto in bilancio, pari a circa 200.000 euro.

L’Amministrazione Comunale era perciò chiamata solo a garantire l’utilizzo degli spazi teatrali. Inoltre, il Conservatorio, considerata anche la situazione finanziaria dell’Ente Comunale, aveva manifestato piena disponibilità a sostenere, nella propria programmazione e nelle date richieste di utilizzo degli spazi teatrali, anche il Festival Internazionale “Lamezia Jazz”, pur di evitare alla città la perdita di un contenitore culturale di elevato prestigio. A fronte di ciò, l’Amministrazione Comunale di Lamezia Terme comunicava che non poteva accogliere la proposta così articolata da parte del Conservatorio.

Il Conservatorio, che in precedenza aveva sempre declinato inviti di altre Amministrazioni riguardo alle richieste di spostare altrove l’intera stagione, pur di mantenere nella città di Lamezia una consolidata proposta culturale di elevato spessore, decideva, suo malgrado, di frammentare la proposta artistica presentando ulteriore richiesta all’amministrazione con una programmazione del “Lamezia Classica Festival” ridotta a soli 5 giornate di utilizzo del Teatro Grandinetti, e spostando tutto il resto della programmazione sinfonica nelle città di Amantea e Catanzaro. A fronte della nuova richiesta, l’Amministrazione Comunale, con delibera n.342 del 16 ottobre 2014, ha accolto la nuova proposta ridimensionata del “Lamezia Classica Festival”. Infine, in merito alle riflessioni elaborate da parte dell’Associazione Musicale Bequadro nei riguardi dell’operato politico dell’Amministrazione di Lamezia Terme, il Conservatorio di Nocera Terinese, nel rispetto del ruolo delle istituzioni, non commenta o esprime giudizi politici, lasciando le dovute valutazioni ai cittadini.