Notizie, cronaca, sport, eventi della Città di Lamezia Terme

Cittadino Agricoltura

Presentate le liste a sostegno dell’avvocato Paolo Mascaro – “Noi assieme dobbiamo dare il sorriso a questa Città “-

368 3
Presentate le liste a sostegno dell’avvocato Paolo Mascaro – “Noi assieme dobbiamo dare il sorriso a questa Città “-

Erano in tanti a ripeterlo tra di loro, con toni impregnati di gioia e spesso con ritmi incalzanti , stretti attorno al candidato Sindaco, avvocato Paolo Mascaro, che ha presentato le liste a suo sostegno. Due, per come reso noto da qualche giorno, ed i cui candidati si sono dichiarati, pronti ed entusiasti, di accompagnare questa nuova  sfida, consapevoli del lavoro e delle complessità annesse e connesse, considerando che “Lamezia ha avuto il terremoto e ora Lamezia deve adottare misure antisismiche particolari”.

Il degrado è sotto gli occhi di tutti e Mascaro non si fa attendere per offrire una delle prime sue valutazioni : “Oggi la Città vive un momento particolare ed in questo “particolare” non si poteva consentire né  una proliferazione di liste accanto ad un candidato Sindaco, né il mancato e rigoroso controllo del Sindaco sui nominativi inseriti nelle liste”.

La candidatura Mascaro nasce allora da queste esigenze primarie :

” formare due liste “ ( due per come annunziato), “che siano qualitativamente di livello elevato”.  E’ quello che si è inteso fare e presentate alla cittadinanza in questo primo incontro pubblico.

“ Le due liste sono una federazione di gruppi e di persone che hanno avuto contatto diretto ed immediato con il candidato Sindaco. Due liste che in maniera emblematica racchiudono l’orgoglio di stare insieme. Non sono liste elaborate per le future elezioni regionali, né per future carriere politiche, né liste precostituite per bussare alle porte degli incarichi. Sono liste composte da singoli individui e da rappresentanti di singoli gruppi.

Noi partiamo da ciò che si è fatto per il completamento di quel percorso individuato per guardare avanti, per volare”.

L’Avvocato Paolo Mascaro si avvicina sempre più al cuore del messaggio politico di presentazione dei componenti delle liste, e lo fa con un invito: Non disertare le urne e formare una parte di elettorato sempre più lontano dal ritenere importante l’uso del voto.

“ Portiamo fuori dalle case”, sottolinea di fatto Mascaro, “ gli indecisi per il voto. Se dobbiamo votare Guarascio, o Cristiano, o Pegna, portiamoli lo stesso a votare, perché la prima grande risposta che deve dare questa Città è la risposta della speranza che si da attraverso la partecipazione alle competizioni elettorali.

Sono orgogliosissimo”, sottolinea ancora il Candidato Sindaco Mascaro, “ del mix di qualità e competenza che siamo riusciti a creare : gioventù e competenza. Le nostre sono liste che comprendono anche dei consiglieri comunali”-

Un popolo in cammino, ci pare di poter interpretare, consapevole dell’ andare incontro ad una responsabilità particolare.

“ Avete un grande compito”, sottolinea infatti, “ e una grande missione: quella di far rinascere Lamezia; e ne sono certo che voi sarete la strada giusta per far rinascere Lamezia”.

Avviandosi a dare risposte ai giornalisti presenti, Mascaro affida questi ultimi input: ”Mi auguro che sia una campagna elettorale serena, priva di polemiche, di reciproche accuse. Io voglio parlare solo di ciò che si è fatto, di ciò che si vuole fare, di ciò che si potrà fare. Auspico confronti che siano basati sul programma e su cosa vogliamo fare per una Città sempre più abbandonata a se stessa, sempre più massacrata; di una Città che si è fermata al 24 novembre del 2017.

Io voglio capire perché non si è intervenuti a dire come mai un PSC, che dall’agosto 2017 è pronto per essere evaso, ma non è stato ultimato, e nemmeno è stato modificato-.

Io vorrei ancora capire,” incalza Mascaro, “ perché un Piano Spiaggia che ha avuto già l’assegnazione di cinque lotti, ha poi visto le nostre spiagge deserte.

Vorrei capire perché il sottoscritto in 29 mesi è riuscito ad acquisire 21 beni confiscati alla criminalità organizzata, ed assegnarne tanti, e quando il sottoscritto n’è andato, ci si è dimenticati che una delle funzioni principe del rispetto della legalità è l’acquisizione dei beni stessi”.

E l’incalzare nella richiesta dei “ PERCHÉ” si fa sempre più carico di enigmi, di risposte dovute e mai date; di opere annunziate ed alle quali non s’è messo mai mani. PERCHE’ ?

Anche se non erano state inserite in questa manifestazione di presentazione di liste e candidati, le linee programmatiche saranno affrontate e spiegate in un prossimo “bagno di folla”, Mascaro ha offerto alcune precisazioni calate sulle inquietanti emergenze in atto. Alcune ? L’emergenza Multiservizi”; l’esigenza di chiarimenti sui bilanci; l’esigenza sulle strutture amministrative dell’Ente. Ma è stato un primo assaggio; il resto verrà .

Una battuta finale per rimanere sul tema del sorriso e della speranza. La domanda del giornalista era così condensata: “ Siete pronti ad affrontare una prossima battaglia al ballottaggio”. Mascaro, deciso e sempre più infervorato, risponde tra gli applausi: “No. No. Io spero di vincere al primo turno!”-

 

  • Pincopallino

    “Ho visto cose che voi umani nemmeno
    nemmeno potete immaginare…” .
    Facciamo finta che un Comune non sia stato sciolto per mafia; facciamo finta di non esserci accorti di nulla e facciamo finta di aver dimenticato il passato (quindi facciamo finta di essere completamente deficienti/ritardati)…. Ma questo tizio – Mascaro- afferma che dovremmo anche strafottercene del fatto che vi sia la possibilità che il 21 ottobre sia sentenziata la sua incandidabilità perché ” tanto la stessa avrebbe effetto solo dalla prossima legislatura ovvero tra qualche anno”. Il Mascaro quindi dice: disinteressatevi completamente della possibilità e non preoccupatevi in alcun modo che io sia dichiarato incandidabile e votatemi lo stesso tanto fino al 2025 potrò essere comunque il vostro sindaco “senza problemi”. In altri termini secondo Mascaro è normale e lineare che Lamezia Terme possa essere amministrata da un sindaco il cui consiglio è stato sciolto per infiltrazioni mafiose e poi dichiarato incandidabile, tanto la legge lo permetterebbe (sempre secondo Mascaro). Certo ognuno è libero di dare il proprio voto al soggetto che ritenga più idoneo ma poi non si lamenti del fatto che Lamezia Terme ha pessima fama di città idiota (idiota è il minimo) amministrata da un sindaco sciolto per mafia e sanzionato con l’incandidabilità….Certo, questo sarebbe un minus rispetto all’insopportabile schifo al quale abbiamo assistito ma si cadrebbe ancora di più nel grottesco… la città con un sindaco incandidabile precedentemente sciolto per infiltrazioni mafiose farebbe “ridere”, desterebbe “ilarità” e sospetto… personalmente mi vergognerei di dire di essere lametino. “Ho visto cose che voi umani nemmeno potete immaginare”… sono stato a Lamezia Terme”. Io continuo a chiedermi il perché sia possibile tutto questo e perché possano anche solo sostenersi e professarsi i discorsi suddetti e come gli stessi possano essere tollerati dalla popolazione… e mi do una sola risposta: Lamezia è una città abitata da una moltitudine di fottute capre, di lecchini e di cointeressati.

  • Lamezia senza speranza