Notizie, cronaca, sport, eventi della Città di Lamezia Terme

Cittadino Agricoltura

Sottoscritto protocollo di intesa sottoscritto tra Confindustria Catanzaro e BNL

Per il rilancio dell’economia calabrese e catanzarese, in particolare
,
558 0

Uno dei fattori tra i più penalizzanti per il settore dell’economia e della finanza in Calabria, ma con generale riferimento all’intera area territoriale del catanzarese, è stato – ed è – quello di un evidente ritardo accumulato nel settore degli scambi commerciali sia entro il sistema – Paese e sia, maggiormente, in quello dell’Europa e del resto degli Stati extra europei. Ritardi d’ordine indubbiamente culturali, nonché distanze abissali a proposito di quel discusso e tribolato accesso al credito hanno sempre di fatto rappresentato una difficoltà enorme e permanente nel dover superare tali barriere.

Oggi, come se il vento andasse di senso contrario (e per fortuna!), sembra che ci siano in atto tentativi di sgretolamento di tali barriere, e questo grazie alle varie e sempre più concrete ed innovative offerte di mercato che provengono dal polmone della stessa economia e finanza, come sono le Banche.

Tutto questo, scandagliando nell’insieme di tale panorama nazionale ed internazionale, grazie anche ad un condiviso protocollo d’intesa sottoscritto tra la Confindustria di Catanzaro e la Banca Nazionale del Lavoro; protocollo che rappresenta di fatto “una ulteriore opportunità che Confindustria Catanzaro offre per il miglioramento della capacità produttiva, della efficienza e della competitività delle imprese associate attraverso investimenti in immobilizzazioni sia materiali che immateriali” (fonte: Daniele Rossi, presidente CONFINDUSTRIA di Catanzaro).

Beneficiari di tale protocollo saranno aziende appartenenti a tutte le categorie merceologiche, con esclusione del settore armamenti, con un fatturato annuo fino a 10 milioni di euro.

Le imprese ammesse avranno così la possibilità di ottenere finanziamenti ed anticipi a breve termine, in euro o valute estere, per supportare la necessità di gestione di rapporti commerciali con l’estero, crediti verso estero o future esportazioni di merci, importazione di beni e servizi dall’estero.