Notizie, cronaca, sport, eventi della Città di Lamezia Terme

Cittadino Agricoltura

PSC Lamezia: continua la soap ai danni degli ignari Consiglieri

,
1.05K 0

Nell’ultima seduta di Consiglio Comunale è stato portato per l’approvazione il Piano Strutturale Comunale, naturalmente è stata l’ennesima presa in giro per i cittadini, in quanto la seduta era stata preventivamente organizzata per non fare trattare la pratica, per diversi ordini di ragioni, che a seguire l’articolo cercherò di analizzare.

Andiamo per ordine, iniziando dal lavoro del Prof. Crocioni.
La proposta di PSC elaborata, nel bene e nel male, dallo stesso Professore, fu sconvolta col famoso emendamento “Grandinetti” che, nella sua genericità, prevedeva l’edificazione delle fasce stradali più importanti della città, compresa la superstrada per Catanzaro, facendo saltare l’equilibrio tra tutti parametri imposti per Legge, che un Piano deve rispettare.
In sostanza si rendeva edificabile, a semplice richiesta tutto il territorio comunale, generando un PSC “aperto” a tutte le iniziative future, una nuova forma di Urbanistica fai da te, ovvero l’opposto della programmazione, gestione e risparmio zero del territorio auspicate dalle buone norme.
L’emendamento approvato in Consiglio Comunale, doveva quindi essere fatto proprio dal Prof. Crocioni, al quale, il Consiglio, richiedeva il lavoro aggiuntivo di una nuova veste urbanistica e normativa e di conseguenza, chiedeva al Professore, l’abbandono del lavoro fatto finora o meglio lo stravolgimento del progetto e la condivisione dei nuovi metodi e regole decise collegialmente nell’assemblea cittadina.
Il Consiglio Comunale avrebbe quindi atteso e discusso la nuova elaborazione del PSC, nel quale la proposta “Grandinetti” veniva concretizzava con documentazione grafica e normativa. Ma tutto ciò non è mai avvenuto. Gli elaborati grafici non sono mai giunti nel Consiglio Comunale ed al suo posto invece è giunta, da parte della maggioranza, la richiesta di approvazione di tutto il piano “a scatola chiusa”.

Tutto è stato secretato. Non si sa se il Prof. Crocioni ha fatto sua la proposta “Grandinetti”?
Se ne ha accettato una parte?
Né se ne l’ha modificata per renderla attuabile sotto l’aspetto normativo?
Nulla di nulla, anzi sembrerebbe che la proposta Grandinetti sia stata per il Professore, la goccia che ha fatto traboccare il vaso, rifiutando ogni contributo aggiuntivo a quanto era stato già fatto ed abbandonando il suo incarico professionale.

Certo è, che in un Consiglio Comunale convocato per approvare lo strumento urbanistico fondamentale per il futuro economico e sociale della città di Lamezia Terme, l’assenza del progettista è un fatto grave che avvalora la tesi delle dimissioni. Ma se tutto questo è vero, perché coinvolgere la cittadinanza, in queste tattiche di politica preelettorale, che potrebbero diventare un boomerang per chi le concepisce e che certamente indignano chi queste cose le comprende?!

Il solo pensiero che viene in mente è, che se vengono realizzate e forse attuale, evidentemente si è certi che chi “non è del mestiere” e non ne coglie la strategia di fondo, è la maggioranza rispetto ai Consiglieri avveduti. E quindi, se questo fosse vero, dov’è l’etica Amministrativa di ci governa?

Io, da cittadino, mi auguro che nella prossima seduta Consiliare questi nodi venissero affrontati e possibilmente sciolti e che i Consiglieri di opposizione venissero informati sullo stato del Piano dato che, i loro colleghi della maggioranza, con spirito campanilistico, approveranno tutto.