Notizie, cronaca, sport, eventi della Città di Lamezia Terme

Cittadino Agricoltura

Puccio chiede attenzione al bando per gli Lsu Lpu da parte dei comuni

Un'occasione per ridurre il precariato che non va sprecata
653 0

La stabilizzazione di circa 5 mila lavoratori Lsu-Lpu calabresi è
un’occasione – scrive Giovanni Puccio della direzione calabrese del Pd – che non deve andare persa. La recente pubblicazione dell’apposito decreto interministeriale (emanato il 12 novembre scorso) consente ai Comuni e  a tutti gli Enti calabresi interessati di aderire al bando e provvedere alla  contrattualizzazione dei precari.

Tuttavia si sono verificati ritardi nella  pubblicazione di alcuni decreti attuativi per cui l’imminente scadenza dei termini prevista per il prossimo 2 dicembre rischia di vanificare in parte il  grande risultato raggiunto.

Il decreto governativo, frutto anche della cabina di regia istituita a Roma sulle giovanni_puccio-pdemergenze della Calabria, ha finalmente  recepito le istanze del Partito Democratico calabrese e delle forze sindacali che hanno condotto una vera battaglia di civiltà per ridare dignità e
sicurezza economica a molte migliaia di lavoratori precari della nostra terra.

È davvero  un risultato molto importante conseguito grazie alla sensibilità ed alla correttezza istituzionale del Governo nazionale che permette ai Comuni e agli  Enti interessati di stabilizzare i lavoratori precari senza dover sostenere alcun costo.

Il mio invito è che non si perda tempo è che tutti gli Enti  calabresi provvedano a concretizzare gli adempimenti di loro competenza.

Mi  rendo, altresì, conto che i tempi sono davvero risicati e per questa ragione  sento di rivolgere ai parlamentari calabresi l’invito ad attivarsi presso il Governo affinché si tenga conto dell’imminente scadenza e lo stesso valuti l’opportunità di riaprire eventualmente i termini di adesione al bando.

Questa occasione storica per chiudere la piaga del precariato non deve- per colpe attribuibili ad altri – tramutarsi in una nuova e più bruciante discriminazione tra lavoratori.

Giovanni Puccio

Di