Notizie, cronaca, sport, eventi della Città di Lamezia Terme

Cittadino Agricoltura

Raccolta di firme per la rimozione di un cippo rievocativo dedicato al “black – blok “ Carlo Giuliani

L’iniziativa, sostenuta da una delegazione del Movimento Sociale – Fiamma Tricolore , è stata a cura del Coisp
540 0
Raccolta di firme per la rimozione di un cippo rievocativo dedicato al “black – blok “ Carlo Giuliani

Ieri una delegazione cittadina del Movimento Sociale Italiano-Fiamma Tricolore ha partecipato attivamente alla raccolta di firme organizzato dal Coisp (Sindacato di Polizia) per la rimozione di un cippo rievocativo dedicato a Carlo Giuliani – black-block ucciso dal carabiniere Mario Placanica, nostro concittadino, mentre assaliva una camionetta dei CC in occasione della devastazione di Genova 14 anni fa – e posto in Piazza Alimonda dove avvenne in fatto.

”  La Fiamma Tricolore”, evidenzia in un comunicato stampa, ” plaude all’iniziativa del Coisp per aver posto all’attenzione dei più distratti il fatto che Carlo Giuliani non può essere indicato alle giovani generazioni come esempio da imitare, cosa che il cippo rievocativo vorrebbe significare, in quanto pur essendo morto stava certamente compiendo un gesto violento e contro le Istituzioni dello Stato.

Piuttosto avremmo voluto”, prosegue il comunicato, ” che lo Stato e le istituzioni non abbandonassero “l’altra vittima” di quella terribile giornata: il Carabiniere Mario Placanica. Egli, per compiacere gli ottusi ed estremisti voleri di certi ambienti radical-chic sempre in voga, ha perso il posto di lavoro, è entrato in una stato di prostrazione depressiva, ha perso la famiglia e vive, assistito amorevolmente dai genitori che sopravvivono con una pensione di 700 euro al mese, ben diversamente dalla famiglia Giuliani (che oltre al loro patrimonio godono della pensione parlamentare “guadagnata” dalla mamma Hilde e continuano a chiedere rimborsi milionari al povero servitore dello Stato) e da altri organizzatori della manifestazione genovese sfociata nei noti tumulti (vedi i “compagni onorevoli” Campagna, Casarin ed Agnoletto), tutti “promossi” allo scranno a seguito dei fatti di Genova.