Notizie, cronaca, sport, eventi della Città di Lamezia Terme

Cittadino Agricoltura

Regionali: F.BOCCIA, PD PRIMO PARTITO. fuori dal centrosinistra c’è la destra

Dovere di tutti costruire un fronte sociale ampio
316 0

“Il PD, dopo queste elezioni regionali, si conferma il partito intorno al quale è possibile costruire un ampio fronte civico e sociale alternativo alle destre nazionaliste e sovraniste. Fuori dal perimetro del centrosinistra c’è solo la destra dei citofoni, dei fili spinati, della rabbia e dell’intolleranza. Ha avuto ragione la linea politica di Zingaretti e non bisogno arretrare di un solo metro rispetto all’apertura del Pd alle forze civiche civiche, ecologiste, ai movimenti e ai partiti che si rivedono nell’idea comune di società aperta ed europea. La vittoria netta di Bonaccini è il risultato del suo grande lavoro degli ultimi cinque anni e della visione comune costruita in questa difficile ma splendida campagna elettorale. Anche l’eccellente risultato di Callipo, nonostante tutto quello che era successo in Calabria negli anni scorsi, dimostra che intorno al Pd si può costruire un nuovo fronte e non ci si deve fermare di fronte a una sconfitta. Abbiamo oggi il dovere di costruire un’alleanza ampia guidata dal PD e per farlo serve essere chiari e netti nelle proposte alternative alle destre. Una società basata su una visione nuova su Lavoro, Scuola, Ambiente rifiuta uomini soli al comando come Salvini. C’è bisogno di un nuovo senso comunità, quella comunità che ha permesso a Callipo di combattere con grande generosità una battaglia importante e quella stessa comunità che ha portato Stefano Bonaccini alla riconferma come presidente della regione Emilia Romagna. Anche per queste ragioni non aveva senso e non avrà senso nemmeno per il futuro, fermare il coraggio del confronto tra le forze politiche dopo la sconfitta in Umbria. Quando si guarda lontano e gli obiettivi sono gli orizzonti sociali, dalle vicende di ogni giorno si impara di più. Ora rimbocchiamoci le maniche perché il lavoro del Governo è appena cominciato e dovrà servire con maggiore forza l’Italia che crede nel senso di comunità”. Così il ministro per gli Affari regionali e le Autonomie, Francesco Boccia.