Notizie, cronaca, sport, eventi della Città di Lamezia Terme

Cittadino Agricoltura

Regione, NCD e UDC strizzano l’occhio ad Oliverio ed intanto provano a fare gruppo unico

Le voci di un avvicinamento tra il centrosinistra e la coalizione NCD-UDC vengono confermate da una conferenza stampa con Gentile, Quagliariello e i vertici dell'UCD
662 0

Sono in corso sia alla Camera sia al Senato, informa una nota dei coordinamenti NCD e UDC, le procedure per la costituzione dei gruppi unici ‘Area popolare’. I partiti di Angelino Alfano e di Lorenzo Cesa hanno anche sperimentato la lista unica nella nostra regione, ottenendo il 9% alle recenti regionali.

Da oggi faremo partire la raccolta delle firme per i gruppi unitari alla Camera ed al Senato. Per noi la Calabria diventa un modello: quello di esprimere una candidatura autonoma e che poi puo’ aggregare o meno altre forze

Ha detto il coordinatore nazionale del Nuovo Centrodestra, Gaetano Quagliariello, intervenendo a Lamezia Terme ad una conferenza stampa congiunta di UDC e NCD per commentare l’esito delle elezioni regionali calabresi. Secondo Quagliariello, “In Calabria c’è stato un metodo che va replicato perché ha dimostrato che quando si parte da se’ stessi, dalle proprie idee e dalla propria identità, gli elettori rispondono”.

Ma le novità non sono solo nazionali! Sempre ieri, nella stessa conferenza stampa, Antonio Gentile, senatore e leader calabrese indiscusso degli alfaniani, seduti al tavolo della conferenza stampa lametina insieme a D’Ascola ed i vertici regionali dell’Udc, Francesco Talarico e Michele Trematerra, oltre al vice segretario dell’Udc Antonio De Poli, fuoriescono messaggi chiari rivoli a neo governatore Calabrese, Oliverio:

Noi – ha detto Gentile – diamo dei consigli su quelle che sono le emergenze della Calabria e sulle convergenze che devono esserci in quanto questa regione il fanalino di coda, non dell’Italia, ma dell’Europa. Tutto ciò dovrebbe far riflettere la sinistra. Sui grandi temi c’è bisogno di convergenza e se su queste emergenze riusciamo a trovarla noi siamo disposti ad una collaborazione. Non è una questione di strapuntini perché non ne abbiamo bisogno.

Gentile quindi commenta l’esito elettorale: «Il “raccolto” in questo mese è andato bene. La politica di Forza Italia è stata suicida ed il centrodestra, per la parte che interessa Fi e Fratelli d’Italia, è sparito. Noi, invece, abbiamo superato il quorum in tutte le province. La sinistra ha vinto a mani basse e senza un programma – ha aggiunto – e noi dobbiamo stimolarla a fare meglio».

Quagliariello ha accolto l’analisi di Gentile, ed ha aggiunto: «Chi ha vinto le elezioni è giusto che governi, noi non chiediamo nulla, ma siamo qui a rappresentare la responsabilità che ci è stata conferita dagli elettori».

Tra pochi giorni, sapremo se le attenzioni della coalizione neo centrista, verranno accolte da Oliverio.