Notizie, cronaca, sport, eventi della Città di Lamezia Terme

Cittadino Agricoltura

Salute e benessere al centro di un convegno

678 0
Salute e benessere al centro di un convegno

“ Salute e benessere” è stato il tema del convegno, organizzato dal Centro socio culturale “ Insieme”, presieduto da Rosaria Rizzo,  presso il Circolo di Riunione di Lamezia Terme. Sull’argomento hanno relazionato il dottor Giancarlo Gaetano, direttore sanitario presso le Terme di Caronte di Lamezia Terme, per quanto riguarda le  metodiche naturali di cura e il dottore Sebastiano Di Salvo, dirigente medico dell’Unità Operativa Complessa di Epatologia dell’Azienda Ospedaliera Policlinico Mater Domini di Catanzaro, per quanto riguarda l’ Omeopatia e la salute  per una medicina integrata.

Dopo l’apertura dell’incontro, moderato dalla vicepresidente  del Centro  Lina Latelli, il dottor Gaetano ha approfondito, tra l’altro,   alcune tematiche   relative alle terme calabresi, agli effetti terapeutici delle acque termali, alle  tecniche di cura e alle patologie trattabili con le acque termali. In Calabria  si trovano diversi  tipi di acque classificate in base al residuo fisso.

Le acque più leggere sono le oligominerali che aiutano la diuresi mentre le acque minerali sono quelle utilizzate per le cure termali

Lo ha chiarito il dottor Gaetano aggiungendo  che  in Calabria  sono sei gli stabilimenti termali, tra cui le Terme di Caronte a Lamezia Terme esistenti fin dal 1766. Qui  viene utilizzata l’acqua sulfurea per le patologie respiratorie con le inalazioni, con l’ aerosol , con   l’Humage e i cateterismi tubarici a pressione all’interno dell’orecchio. Le patologie artro-reumatiche  si curano invece con  i fanghi che sono prodotti in ogni stabilimento termale in base alle caratteristiche delle proprie acque.  Ha spiegato il dottore Gaetano

La terapia termale può essere inserita nei protocolli di terapia per le patologia croniche alternandola  con la terapia farmacologica. Da  studi approfonditi risulta  che  con la terapia termale si riduce il consumo di farmaci con notevole risparmio per il Servizio sanitario nazionale.

Oggi esistono altri metodi naturali di cura che  si ricollegano  alla medicina omeopatica, scoperta nel ‘700 dal medico e chimico tedesco Samuel Hahnemann e usata in integrazione con  la medicina classica. L’omeopata deve essere disponibile ed umano verso il malato di cui «deve comprendere tutta la  personalità psichica e le personali vicissitudini altrimenti  non saprà cosa curare nel malato, perché non lo conosce e non lo ha capito» ha precisato il dottor Di Salvo.  Pertanto il trattamento deve fare   in modo che l’ammalato diventi libero, indipendente, capace di aprirsi al mondo del pensiero, delle idee, delle essenze, il tutto per la sua realizzazione spirituale.  Stimolando   nel malato la voglia e la volontà di  vivere, si agevola il suo recupero per il piacere  della vita  rinnovata e liberata dai fattori negativi che la  rinchiudono nell’egoismo autistico  infantile.