Notizie, cronaca, sport, eventi della Città di Lamezia Terme

Cittadino Agricoltura

Scaramuzzino soddisfatto per la visita di Cesa

1.05K 0

E’ stato con un misto di piacere ed orgoglio con cui  ho accolto la visita presso la nostra sede dell’europarlamentare Lorenzo Cesa, il quale ha preso visione di una realtà straordinaria, posta nel cuore della Calabria, in un ambito che, aldilà di quanto contenuto nell’immaginario collettivo, è capace d’esprimere eccellenza e qualità.

Sono le parole di Pasqualino Scaramuzzino, Commissario straordinario della Fondazione Terina, il quale sottolinea

 ho colto lo stupore negli occhi dell’on. Cesa per un sito, troppe volte visto solo come la Cenerentola del nostro Paese,  in pieno fermento: un’area letteralmente “invasa” da cantieri e da operai anche nel giorno di sabato, imprese che lavorano con competenza e celerità per garantire il raggiungimento degli obiettivi della Fondazione che, com’è ovvio, sono gli obiettivi di tutti i calabresi

L’on. Cesa,  accompagnato dal Presidente Talarico e dall’Assessore regionale all’Agricoltura, On.le Michele Trematerra, ha potuto visitare ciascuno dei cantieri presenti, valutando l’incisività dell’azione amministrativa messa in atto e, soprattutto, garantendo il suo appoggio per tutte le future necessità che scaturiranno dall’avvio di una straordinaria Infrastruttura di Ricerca Europea, che ha come core business la sicurezza, la qualità alimentare, la nutraceutica ed il connesso trasferimento tecnologico attraverso un incubatore d’impresa tematico, unico nel suo genere.La Comunità europea, infatti, ha dinamiche che devono essere comprese appieno, nell’ambito delle quali l’attività di lobby e di sostengo ha una grande parte: ebbene, l’on. Cesa ha garantito che farà tutto quanto nelle sue possibilità perché una realtà d’eccellenza – come la Fondazione Mediterranea Terina – abbia tutta l’attenzione che merita nel contesto europeo.

Un’infrastruttura di ricerca – come quella che emergerà all’esito della conclusione del Progetto PON Food@Life – che dovrà vedere il proseguire delle attenzioni europee, così che la Calabria reciti appieno il ruolo che le spetta nell’ambito della programmazione comunitaria 2014/2020, in modo tale che tutte le risorse che si riusciranno ad ottenere possano essere messe a frutto per i cittadini calabresi. L’idea – così come illustrata nel dettaglio dalla Coordinatrice scientifica, prof.ssa Mariateresa Russo – è che la Fondazione Mediterranea Terina diventi, nell’ambito del network della infrastrutture di ricerca che danno vita allo “Spazio europeo della ricerca”, il nodo di eccellenza nel campo della qualità,  della sicurezza alimentare e nutraceutica nonché assurga a riferimento  per tutto il bacino del Mediterraneo. L’appuntamento che ci siamo dati tutti i presenti è fissato a subito dopo l’estate, quando sarà possibile – dopo avere dato ancora maggiore impulso al progetto Food@Life – programmare direttamente a Bruxelles la prosecuzione del rilancio dell’attività della Fondazione Mediterranea Terina che, da fiore all’occhiello delle istituzioni calabresi, può e deve diventare punto di riferimento della ricerca internazionale.