Notizie, cronaca, sport, eventi della Città di Lamezia Terme

Cittadino Agricoltura

Scompare la Banca Popolare del Mezzogiorno incorporata nella BPER

Inesorabile processo di fusione, rimane una direzione mezzogiorno
1.5K 0

E’ operativa  la fusione per incorporazione di Banca popolare del Mezzogiorno in Bper (Banca popolare dell’Emilia Romagna). I correntisti ed i clienti della banca, quindi, da ora in poi troveranno ad accoglierli soltanto il marchio della capogruppo che ha confermato Crotone come sede operativa per le attività nel Sud Italia.
A seguito di questa riorganizzazione è nata la Direzione territoriale Mezzogiorno, cui è affidato il compito di presidiare, con ampia autonomia gestionale, il territorio e l’operatività in ambito commerciale e creditizio, di tutto il Mezzogiorno d’Italia.

Nasce un nuovo modo di essere banca del territorio – dichiara il neo direttore territoriale Roberto Vitti – La fusione in Bper conclude un percorso di roberto_vittiavvicinamento iniziato da tempo, che vedrà confermati i valori di banca popolare a cui da sempre facciamo riferimento. Le sfide del futuro che ci attendono richiedono maggiore efficienza, tecnologie adeguate, formazione altamente professionale. Tali aspetti sono i capisaldi di questa riorganizzazione. L’incorporazione in Bper rappresenta per il nostro territorio una evoluzione dal punto di vista della qualità dei processi. In primis, il mondo del credito avrà una filiera basata sulla scientificità e programmazione delle analisi. La nostra clientela potrà rivolgersi sempre alle stesse persone, continuerà a vederci operare applicando nostri valori tradizionali. Il tutto, però, sarà supportato della forza di un istituto nazionale, che ci consentirà essere in linea con le aspettative che il mercato attuale richiede.

Nel processo di fusione, oltre alla Banca popolare del Mezzogiorno, sono state coinvolte anche Banca della Campania e Banca popolare di Ravenna, che si aggiungono alle fusioni già effettuate nel 2013. Bper completa un percorso che ha ridisegnato la struttura distributiva della banca, articolandola in nove Direzioni territoriali sulla penisola, tra cui la Direzione territoriale Mezzogiorno con sede a Crotone.
La Direzione territoriale Mezzogiorno è a sua volta suddivisa in cinque aree (Puglia, Basilicata, Calabria Nord, Calabria Sud e Sicilia) e ha in totale 112 filiali. La nuova articolazione organizzativa va incontro all’esigenza di razionalizzare la struttura distributiva e di semplificare i processi di autorizzazione e delibera, ma è anche ispirata a logiche di coerenza geografica e territoriale, destinate a migliorare ulteriormente sinergie, efficienza e flessibilità.