Notizie, cronaca, sport, eventi della Città di Lamezia Terme

Cittadino Agricoltura

Sequestrati alcuni depuratori nel catanzarese per loro mancata rimessa in efficienza

627 0

I militari della Sezione di Polizia Marittima e Difesa Costiera, coordinati dal Capo Servizio Operativo della Capitaneria di Porto di Vibo Valentia Marina, Antonello Ragadale, hanno provveduto, nella giornata di ieri, a dare esecuzione ai cinque provvedimenti di sequestro degli impianti di depurazione, quello consortile del Comune di Nocera, che riceve le acque reflue dei Comuni di Belmonte, Amantea, Nocera e parte di Falerna e i quattro di Serrastretta, provvedendo, nel contempo, a notificare gli stessi agli indagati e al consulente nominato dalla Procura della Repubblica di Lamezia Terme.

A tale stato di cose si giunge, informa la nota stampa diramata dalla Guardia Costiera di Vibo Valentia, dopo che lo scorso 14 luglio i militari della Guardia Costiera di Vibo, delegati dalla Procura della Repubblica di Lamezia Terme, avevano provveduto a notificare i provvedimenti di sequestro preventivo, degli impianti di depurazione Comunali di Nocera Terinese, San Pietro a Maida e quattro del Comune di Serrastretta.

Tutto il tempo concesso per apportare le sollecitate operazioni onde provvedere a porre in essere le azioni di immediata urgenza per rimuovere gli inconvenienti rilevati dai militari del Servizio Operativo della polizia giudiziaria di Vibo Valentia Marina.

Dagli accertamenti successivi, accertato che non sono state accolte le richieste di rimessa in efficienza degli impianti, è stato disposto, con appositi provvedimenti, che venisse data formale esecuzione ai decreti di sequestro preventivo degli impianti di depurazione di Nocera Terinese e dei quattro impianti di depurazione del Comune di Serrastretta.
Per l’impianto di San Pietro a Maida, invece, notevolmente migliorato nell’ultimo mese, il Pubblico Ministero ha concesso ulteriori sessanta giorni di differimento per l’esecuzione dell’eventuale provvedimento di sequestro.