Notizie, cronaca, sport, eventi della Città di Lamezia Terme

Cittadino Agricoltura

Servizio Diurno per Minori: l’Amministrazione non è più in grado di sostenerlo

,
604 0

Con determina n°26 R.S. del 12/03/2013, n. 369 R.G. del 14/03/2013, modificata e integrata dalla determina n.141 R.S. del 12/11/2013, n. 1121 R.G. del 20/11/2013, il Comune di Lamezia Terme ha approvato il capitolato speciale d’appalto per l’affidamento della gestione del Servizio Diurno per Minori e indetta la relativa gara d’appalto. In data 26/11/2013 è stata bandita la gara d’appalto per l’espletamento del servizio in oggetto mediante procedura aperta.

Per la grave crisi economica attualmente in atto, però, l’ Amministrazione Comunale non è più in grado di sostenere il costo del Servizio in questione. Le procedure di gara, pertanto, sono state annullate, rinviando la valutazione sulla possibilità di realizzare un intervento diverso ad un costo nettamente inferiore per sostenere, in maniera diversa, minori e famiglie in stato di disagio sul piano educativo. Conseguentemente si è proceduto al disimpegno della somma comprensiva di IVA di € 479.425,37 (€ 481.892,97 – € 2.467,60 già liquidata per pubblicazione del bando di gara nella G.U.R.I. e sui giornali locali e nazionali) impegnata con determina n. 26 R.S. del 12/03/2013 – n. 369 R.G. del 14/05/2013, modificata e integrata dalla determina n.141 R.S. del 12/11/2013, n. 1121 R.G. Del 20/11/2013. Sarà compito del Servizio Appalti restituire i plichi pervenuti per la gara annullata.

Il Servizio Diurno per Minori, fino ad oggi gestito dall’A.T.I. “Hansel e Gretel” formata dalle cooperative CEPROS e TEATRO P (il cui contratto è scaduto in data 11/12/2012)era caratterizzato dallo sviluppo dei seguenti elementi:

  • sostenere le famiglie temporaneamente impedite o in gravi difficoltà nell’assolvere adeguatamente il ruolo genitoriale a causa di particolari situazioni di crisi o per condizioni preesistenti di emarginazione o di disagio nel percorso educativo con i figli attraverso il superamento delle difficoltà esistenti e garantendo a i minori la permanenza ne l proprio ambiente familiare e socia le evitando, in tal modo, la loro istituzionalizzazione ;
  • re a lizza re attività individualizzate e di gruppo che mirino allo sviluppo dell’ autonomia personale dei minori e delle loro capacità di rapporto sociale adeguati all’ età, di gestione della quotidianità fatta di impegno scolastico, extrascolastico, cura dell’igiene personale, uso del tempo libero, ecc.;
  • realizzare attività a sostegno della relazione genitori-figli per il recupero delle capacità organizzative ed educative compromesse ;
  • realizzare attività di recupero scolastico per minori con difficoltà di apprendimento;