Notizie, cronaca, sport, eventi della Città di Lamezia Terme

Cittadino Agricoltura

Settembre al Parco 2018, s’è chiuso con un meritato successo-

Con la grande partecipazione allo spettacolo teatrale itinerante messa in scena dalla Compagnia di teatro di MU e dalla scuola di teatro Enzo Corea, prodotto da Edizione straordinaria
1.04K 0

L’edizione 2018 di “Settembre al Parco”, la manifestazione culturale organizzata dalla Provincia di Catanzaro, guidata dal presidente Enzo Bruno (che si avvale sostegno economico della Regione con i fondi destinati ad interventi per la valorizzazione del sistema dei beni culturali e per la qualificazione e il rafforzamento dell’attuale offerta culturale annualità 2018), chiude in bellezza con il teatro. Una presenza così massiccia, oltre mille persone a seguire in processione gli attori della divertente e coinvolgente rappresentazione messa in scena dalla Compagnia di teatro di MU e dalla scuola di teatro Enzo Corea, prodotto da Edizione straordinaria. La compagnia capitanata da Salvo Corea chiude la sezione di “Settembre al Parco” dedicata a Teatri Meridiani, fortemente voluta dal presidente Bruno, dal direttore artistico Massimo Fotino e dalla direttrice del Parco Rosetta Alberto per valorizzare i talenti locali, le associazioni culturali che quotidianamente, praticamente senza risorse se non con la forza della loro passione, aggregano e insegnano l’amore per la cultura attraverso il teatro.

Il Parco della Biodiversità si è prestato davvero in maniera straorinaria a questo spettacolo itinerante, diventando un palcoscenico per “Gli sposi promessi”. Ma la massiccia presenza di ieri sera dimostra che c’è voglia di vivere il Parco, attraverso la cultura che diventa fondamentale occasione di incontro e valorizzazione del patrimonio sociale e delle “radici” locali.

Uno spettacolo teatrale itinerante, che il pubblico ha seguito nell’incantevole scenografia naturale secondo un itinerario che dal laghetto dei cigni li ha porteti all’arena; itinerario geografico e narrativo, lungo il quale hanno preso vita le vicende di Renzo e Lucia così come la follia di Corea e dell’autore Franco Corapi le ha volute tradurre in chiave comica. Una delle tante scommesse difficili dei due artisti, che altre volte con successo hanno promosso questa forma di teatro impervia e coraggiosa, ricca di problemi tecnici ma anche di opportunità drammaturgiche in un equilibrio delicato tra rigore e improvvisazione che non esclude l’interazione col pubblico. Un commedia coniugata nella forma di divertissement teatrale che affronta con ritmo quasi sempre serrato la drammaturgia di una telenovela ante-litteram, trasfigurando i personaggi che tutti abbiamo conosciuto a scuola che e adesso sarà più facile ricordare.