Notizie, cronaca, sport, eventi della Città di Lamezia Terme

Cittadino Agricoltura

Sisma 4.3 tra Capo Vaticano e Tropea

La spiegazione degli esperti
1.19K 1

E’ di magnitudo 4.3 la scossa di terremoto avvertita questa mattina, attorno alle ore 8,04, lungo il litorale tirrenico centro/meridionale, esattamente pochi chilometri ad ovest di Tropea e Capo Vaticano. Ma è da alcune settimane che scosse molto più lievi stanno rincorrendosi su tutto il territorio calabrese, anche se quello preso di mira sembra essere la costa tirrenica da Capo Vaticano fino a Paola. Da ricordare che nei giorni scorsi anche il temibile vulcano Marsili fu interessato da un’altra violenta scossa sismica.

Gli esperti, dopo quella di questa mattina, danno questa testuale interpretazione:

La maggior parte dei terremoti in Italia si produce a profondità ben minori, da pochi km a poche decine di km, ma in questo caso il sisma è avvenuto in corrispondenza del cosiddetto “piano di Benioff”. Si tratta del piano di subduzione in corrispondenza del quale la placca africana subduce sotto quella eurasiatica, inflettendosi e sprofondando verso il mantello terrestre. Lungo questa superficie, che si trova proprio al di sotto della Calabria, avvengono terremoti in un arco di profondità che va dai 100 ai 500 km, lungo una enorme superficie che ha un’inclinazione di circa 50-60°. L’inflessione della placca oceanica della antica Tetide sotto quella eurasiatica è anche alla base della formazione di vulcani, che sono presenti in abbondanza nell’area delle Eolie.

  • Francesco Antonio Fagà

    Del fatto che viviamo in una zona ad altissimo richio sismico ce ne ricordiamo solo quando la terra si fa sentire.