Notizie, cronaca, sport, eventi della Città di Lamezia Terme

Cittadino Agricoltura

Slc Cgil-Nidil Cgil: «PRECARIATO: urgente una stabilizzazione dei lavoratori»

1.16K 0

Un’analisi dettagliata del precariato calabrese, gli effetti della Riforma Madia, la situazione disastrosa dei call center e le nuove sfide da mettere in campo.

Sono questi i contenuti della riunione che si è svolta al Gran Hotel Lamezia organizzata da Slc Cgil Calabria e Nidil Cgil dal tema “Inclusione, valore aggiunto per la contrattazione”.
A introdurre i lavori una relazione di Antonio Cimino, segretario generale Nidil Calabria, che ha offerto una fotografia numerica sulle varie forme di precariato esistenti nella pubblica amministrazione calabrese.
«Sul percorso  di stabilizzazione di Lsu e Lpu calabresi, prendiamo atto delle possibilità e dei limiti della Riforma  Madia,  che va utilizzata per quello che riesce a dare in termini di soluzione  alla precarietà. Occorre una provvedimento ad hoc, specifico che salvaguardi quello che già i lavoratori  hanno maturato in anzianità contrattuale e che dia la possibilità  anche ai lavoratori che operano in comuni in dissesto o pre dissesto di poter essere nuovamente contrattualizzati».

Tante, durante la riunione, le testimonianze lavoratrici e lavoratori che hanno raccontato la loro storia ventennale di precariato all’interno degli enti locali sottolineando le loro legittime aspettative di arrivare alla stabilizzazione dopo anni di permanenza nel bacino del precariato.
Durate la riunione è intervenuto anche Daniele Carchidi, segretario generale Slc Cgil Calabria che ha dichiarato: «La legge regionale 1/2014 che la Regione Calabria prova a riproporre è una autentico pastrocchio clientelare messo in campo dall’allora Giunta Scopelliti. Questa legge prevede l’istituzione dell'elenco dei precari al quale le amministrazioni dovrebbero attingere  per eventuali stabilizzazioni, ma che ha il grande vulnus di non tener conto della territorialità e dell'esperienza maturata nell’ente. Il giudizio totalmente negativo che come Cgil abbiamo dato alla sua emanazione, lo confermiamo tutt’ora e metteremo in campo ogni azione di protesta e legale per il suo superamento».
Le conclusioni sono state affidate a Claudio Treves, segretario generale Nidil Cgil Nazione: «Occorre portare tutti i lavoratori  Lsu ed Lpu alla stabilizzazione – ha dichiarato – in un percorso graduale ma veloce. Rispetto a questa vertenza ci aspettiamo di avere al nostro fianco, nel rispetto dei ruoli, la Regione Calabria per avviare il confronto  con il Governo con la storicizzazione delle risorse regionali  al fine di richiedere con forza la compartecipazione  del Governo attraverso le risorse ministeriali che devono essere riconfermate.  Siamo pronti eventualmente ad affiancare alle nostre proposte  la mobilitazione,  nello spirito  sindacale unitario che ha sempre contraddistinto questa vertenza».