Notizie, cronaca, sport, eventi della Città di Lamezia Terme

Cittadino Agricoltura

Sta per arrivare l’Olio di Calabria IGP

Sarà extravergine prodotto con olive carolea. A Rende giorno 9 luglio la prima audizione
863 0

La Calabria vuole aumentare il valore aggiunto sull’olio e la sua tracciabilità e sicurezza per i consumatori. Alle Dop (denominazione di origine protetta) già esistenti sta per aggiungersi una IGP (indicazione geografica protetta) denominata “Olio di Calabria”. Il percoso è appena iniziato e sta per giungere alla prima tappa, la pubblica audizione fissata in data 9 luglio presso il centro di ricerca CRA-Oli di Rende, in provincia di Cosenza.  Questo passaggio è importante per il riconoscimento dell’IGP riservato a tutti gli olii prodotti sul territorio calabrese, con una prevalenza di olive della cultivar carolea al 70%.

Si tratta di un importante passaggio che arriva a  conclusione delle procedure nazionali dell’iter di riconoscimento. L’Indicazione Geografica Protetta “Olio di Calabria” è riservata all’olio extravergine d’oliva ottenuto da olive prodotte esclusivamente  da oliveti Calabresi. Alla riunione sono invitati tutti i portatori di interesse (istituzioni, organizzazioni professionali e di categoria, produttori, operatori economici ). L’iniziativa è promossa dal comitato promotore presieduto da Massimo Magliocchi. Rappresenta un rilancio ulteriore dell’olivicoltura calabrese che nel giro di alcuni mesi potrà ottenere questa Igp garanzia per i consumatori e sopratutto maggiore valore aggiunto per i tanti produttori. Così forse tanto olio invece di finire in Puglia o in Toscano per arricchire le loro produzioni sarà commercilizzato direttamente dai produttori calabresi con un marchio chiaro.

Le caratteristiche dell’olio come indicato nella bozza di disciplinare indicano un colore dal verde al giallo paglierino, con un’acidità inferiore o ugale a 0,60.

L’Olio  di Calabria Igp sarà extravergine di oliva e comprende tutte le superfici olivetate ricadenti in tutta la Regione Calabria. Le olive dovranno essere raccolte dalla pianta con i dovuti agevolatori e molite entro ventiquattro ore. Un elemento che lascia ancora valore aggiunto sul nostro territorio è la determinazione che le operazioni di confezionamento dell’olio extra vergine di oliva a indicazione geografica protetta dovranno avvenire nell’ambito della Regione Calabria. Questa Igp andrà a valorizzare ulteriormente la cultivar carolea che rappresenta la più antica varietà calabrese. Alla riunione in programma giorno 9 luglio sarà presente pure l’assessore regionale all’agricoltura Michele Trematerra che ha espresso apprezzamento “per il lavoro svolto sin qui  nell’interesse della nostra olivicoltura,  al Comitato Promotore dell’IGP,  al Ministero dell’Agricoltura per il prezioso e qualificato supporto tecnico ed amministrativo, e a tutte le figure  che ancora contribuiranno al felice compimento di questo progetto”.   I tecnici prevedono entro fine anno la conclusione della procedura che porterà a vedere in commercio le prime etichette.

Logo_OlioCalabria_3D-02