Notizie, cronaca, sport, eventi della Città di Lamezia Terme

Cittadino Agricoltura

Strani silenzi in una enigmatica campagna elettorale a Lamezia

Si attendono ufficialità nelle scelte del PD: Cosentino, Reale …o chi ? Al centrodestra ipotesi di nuovi accordi
575 0

Il fine settimana a Lamezia Terme, sul fronte della campagna elettorale, sembra essersi concessa una tregua, dopo le varie vicende più che altro all’interno del centrosinistra e del PD, particolarmente. Non sono mancate, comunque, alcune iniziative, come quella assunta dal movimento “Lamezia insieme” che, com’è noto, punta sulla persona dell’attuale assessore comunale Rosario Piccioni alla carica di Sindaco della Città per il prossimo settennato.

Il giovane candidato, appoggiato anche da numerosi giovani, lo ha fatto approfittando dell’inaugurazione del proprio “punto d’incontro” sul centralissimo e suggestivo corso Numistrano, da dove filtrano – unitamente all’altra location cittadina di corso Nicotera – le varie novità, i commenti, i chiacchiericci, le ultime – comunque – tra le novità più interessanti.

Mi rivolgo a tutte le forze sane della città”, ha esordito Piccioni, “a tutti i gruppi del centrosinistra che stanno partecipando alle primarie: unitevi a noi, aderite al nostro progetto per rompere con le logiche della vecchia politica e mettere insieme le idee, le competenze, le energie di tutti coloro che hanno a cuore esclusivamente il futuro di Lamezia».

«A una settimana dalla data fissata per le primarie – spiega Piccioni – ancora è tutto incerto e il commissario del Pd lametino, Soriero, continua a fissare riunioni una dietro l’altra. Non è escluso che ci sia la volontà di annullare le primarie e vanificare tutto il percorso che la coalizione di centrosinistra ha fatto fino ad oggi.

Siamo stati i primi a lanciare il grido d’allarme su delle primarie che, come stiamo vedendo in queste ore, si sono trasformate in una pantomima”.

Con un successivo specifico e duro attacco alle stesse forze del centrosinistra, ove

“ facciamo fatica a capire quale siano le loro idee per la città se non l’ormai usurato ritornello della discontinuità con la giunta Speranza, salvo dimenticare che queste stesse forze sono state protagoniste dell’amministrazione guidata da Gianni Speranza in questi anni.

Questo ci conferma che la nostra scelta di non partecipare alle primarie aveva delle valide ragioni: la gente è stanca di questo modo di fare politica, non capisce questi “balletti” e queste discussioni prolungate all’infinito e autoreferenziali, finalizzate solo a mantenere equilibri interni e senza alcuna proposta politica e programmatica per la città».

Certo è che la presenza e la mediazione del parlamentare Pino Soriero non solo non sono riuscite a calmate gli animi surriscaldati del popolo pdiellino, quanto hanno creato ulteriori malumori e più marcate indecisioni sul candidato unico del partito. L’ultima chance credibile, almeno da quanto si riesce ad intuire, sembra sia quella di Paolo Cosentino, anche se non è poi tanto da scartare l’ipotesi di Italo Reale.

A centrodestra, almeno per il momento, c’è un silenzio da oltretomba, rotto dai solitari humor che darebbero come fattibile una intesa tra il candidato Armando Chirumbolo (“Alleanza Popolare per Lamezia” ) ed il candidato Pasqualino Ruberto (Movimento “Labor”). In una battuta confidenziale, il giovane avvocato ha glissato sia nel confermare la voce che smentirla, liquidando il tutto con una diplomatica battuta : “noi siamo aperti ad ogni ipotesi buona purché sia nell’interesse della Città”.

Nell’attuale settimana che ci ricorda liturgicamente l’ingresso di Gesù in Gerusalemme accolto dal tripudio di palme e di ramoscelli d’olivo, dovrebbero fermentare altre novità: oltretutto i giorni passano velocemente e fanno guardare a distanza ravvicinata in direzione di una campagna elettorale finalmente ben delineata in tutti i suoi contorni.

….O, almeno, lo si spera !