Notizie, cronaca, sport, eventi della Città di Lamezia Terme

Cittadino Agricoltura

Tutti i particolari ed i segreti di una chef famosa : Nadia Christina Tappen

,
1.25K 0

La terrazza nella casa di Oscar, fa sognare ad occhi aperti : un panorama che abbraccia il mar tirreno  sino alle colline del  mar Ionio, ed è in questo modo particolare che faccio irruzione  nell’arte culinaria della Chef Nadia Christina Tappen, che arriva da Monaco di Baviera, una delle città tedesche più famose della Germania; arriva nella cittadina lametina.

Una cucina fatta di amore,storie e racconti di una Chef.

Oscar, introducendomi nella cucina di Nadia Christina, mi ha dato la possibilità di trascorrere una giornata insieme ad una Chef, lontana dal pubblico che realizza un format di piatti suggestivi.

Nadia Christina paragona la Sua cucina ad una pianta che coltivata con cura, giorno dopo giorno cresce e da i suoi frutti. Gli ingredienti essenziali sono: amore, dedizione,sacrificio e i sogni.

Nel suo raccontarsi, fatto di viaggi, di ricordi delle Sue origini Argentine, il pensiero va con orgoglio alla Sua Bisnonna Christina, che le tramandò la tradizione contadina sull’utilizzo dei sapori delle piante della sua terra,del bouquet dell’olio,dei gusti della terra abbinate alla cucina.

Christina è una donna da scoprire ,una Chef, sommelier dell’olio di oliva ed ella è diversa dagli altri Chef che oggi  sono incentrati a rincorrere il successo, tra il web e la TV.

Sono tanti i programmi che quotidianamente offrono esibizioni e partecipazioni di Chef che incrementano ed esaltano i loro piatti, della loro cucina, sacrificando anche le loro vita private. Christina è lontana dai riflettori e dai soliti ristoranti.

In Lei emerge tutta la ricchezza di curare il proprio ospite,l’accoglienza,la cordialità, l’empatia è tutto un susseguirsi fino all’offrire la prelibatezza e il gusto dei suoi piatti alla cura nello scegliere gli alimenti di stagione per creare un piatto: “Su Misura”per ogni ospite.

Mi sento così coccolata, che sembra di vivere in una fiaba culinaria,tutto ciò che esprimi, ogni tuo desiderio diventa realtà.Mi accomodo in una tavola,guarnita ad arte, in ogni particolare e attendo di gustare incuriosita la sorpresa del piatto che Nadia ha riservato per me.

Mi presenta un piatto ” il  riso baldo tostato con cipolla rossa di Tropea e finocchietto selvatico e  funghi Maitake“, questa varietà di funghi conosciuti come giapponesi , ma in realtà calabresissimi, perché crescono sui Castagni della Sila, cotti in una riduzione di succo di Pompelmo; mantecato con un delicato pecorino alle pere, piccoli gamberi, fasulari e Cannolicchi.

Completava il piatto in maniera sublime la scelta di accompagnarlo ad una Fresca Birra  che Christina ha scelto la SaisonSaison di Birrificio A’Magara.

La peculiarità di questa Chef, è di realizzare un desiderio espresso come per magia, che attraverso una sinfonia di sapori sapietemenete scelti fra  i profumi degli agrumi con  il pesce aromatizzato e  l’alchimia tra il gusto del cibo e l’olfatto, possiamo dire che da tedesca ha saputo emulare Bethoveen

L’originalità è anche nel mantenere la distinzione e percezione degli ingredienti mentre si degustano in un unico assortimento.

Essi anche se amalgamati con cibi diversi in unico piatto hanno l’originalità di mantenere ognuno  il proprio sapore, esaltando la propria fragranza, una vera piramide olfattiva e degustativa dove risaltono le note del cuore come in un profumo di Chanel.

Christina, mi parla della Sua cucina che sperimenta con saggezza per la nutrizione del nostro organismo .

Mi parla che sul terrazzo ci sono le piante, importate dalla sua terra e mi aggiorna, con simpatia che le stesse piante crescono anche in Calabria in luoghi ben precisi che lei ricorda con estrema lucidità i luoghi dove crescono.

Rimango affascinata dal suo spiegare gli ingredienti che usa per i suoi piatti e come li usa, mi fa assaggiare un fiore dal colore rosso che ha il sapore di salvia ed ananas poi si gira e mi mostra una pianta che Christina ha portato dall’Argentina, il nome della pianta suona strano, Albero Bottiglia.

Il mio stupore è per come vengo rapita dal Suo conoscere e  sapere, nel particolare su  piante che crescono anche a Nicastro, mi indica anche il luogo preciso; li trovi vicino  “La Chiesa della Cucchierella”; questo albero ha un fiore rosa, straordinario il nome è “albero bottiglia” in spagnola “Palo borracho”

Mi sento subito sua amica, nella conversazione, come se conoscesse la Calabria nei suoi segreti di natura più profondi…I suoi occhi brillano, il suo cuore emozionato, non sono stranieri a questa terra, rappresenta e dipinge una Calabria, che osserva in modo positivo,stimolante,carica di energia, attraverso i suoi racconti, sorridiamo sui colori delle piante, sul sole che ci riscalda sulla terrazza e sulla nostra bella Calabria e  Nadia Kristina, qualche parola di dialetto nicastrese, la accenna anche.

Mi esce spontaneo un consiglio “..  se mi spiega la Calabria e i calabresi” perché,  mi trasmette l’entusiasmo e la curiosità per questa terra che tante volte noi Calabresi, la dimentichiamo.

I piatti dello Chef Nadia ChristinaTappen, vengono serviti e degustati come “Petit Gourmet”, nel famoso locale, pasticceria e gelateria  di Casa Mastroianni, già famoso per i premi internazionali e nazionali riconosciuti, che hanno dato lustro e orgoglio al nostro territorio,invitante anche da la raffinata location, colorata, che ricorda con la sua struttura un pò di Provenza, come i colori  della lavanda e la variante di prodotti ricercati e i profumi veterani si mescolano ai sapori della nostra dolcissima terra.