Notizie, cronaca, sport, eventi della Città di Lamezia Terme

Cittadino Agricoltura

Umberto Improta (Vigor Lamezia): prima la salvezza e poi proveremo a divertirci

Intervista al forte attaccante biancoverde sulla Vigor che è stata e su quella che sarà
1.29K 0

Chiedere ad Umberto Improta, esperto attaccante della Vigor Lamezia, di provare a fare voli pindarici sul futuro della Vigor Lamezia somiglia proprio a quel tipo di calciatore brasiliano che dribbla tutti e annulla ogni pronostico che non sia la salvezza.

E’ un giocatore che, a prima vista, sa di essere già in un discorso comunque importante, anche se la brutta sconfitta di sabato scorso a Cosenza rassomiglia ad un secchio d’acqua che si sparge su una fiammella in fase evolutiva.

Ed iniziamo proprio da questa ultima sconfitta per parlare con lui di questa Vigor, di questo momento, con tante previsioni.

D.-      Iniziamo allora dalla sconfitta di Cosenza che, anche se può rientrare nella normalità, brucia però un po’ per come essa è maturata.

R.-       Rispetto alla sconfitta di Benevento, oppure alla prestazione interna contro la Salernitana, effettivamente è stata sinceramente la nostra peggiore partita. Però è una sconfitta che ci può stare, il quanto poi il nostro cammino è quello di puntare ad una salvezza tranquilla.

D.-      Possiamo addebitarla ad una sorta di appagamento dopo un buon cammino finora intrapreso?

R.-       No, certamente di appagamento non si può parlare perché i 21 punti non ci portano da nessuna parte. Noi potremo essere un poco appagati quando raggiungeremo l’obiettivo di fondo, che è quello della salvezza; e cercheremo di raggiungerla quanto prima possibile. Penso che il nostro sia un gruppo che qualora debba raggiungere la salvezza in largo anticipo, non si sentirebbe appagato. Magari tenteremo anche di divertirci un po’.

D.-      La Vigor Lamezia, assieme alla Lupa Roma, sono le rivelazioni di questo campionato; domenica la affronterete al D’Ippolito.

R.-       Sicuramente è una squadra che ci tiene a fare bene, anche come matricola di questo campionato. Una squadra molto quadrata ed è un gruppo che penso abbia cambiato poco rispetto all’anno scorso. Quindi andrà presa nel migliore dei modi. Sarà sicuramente una partita difficile; però noi cercheremo di riscattare già la sconfitta di sabato.

D.-      Secondo te, il segreto di questa Vigor ?

R.-       Noi siamo contenti di questo avvio di campionato perché costituiscono già un buon traguardo i 21 punti in 13 partite; e una squadra che punta alla salvezza sono tanti. Non c’è segreto da svelare; è soltanto il lavoro quotidiano e l’impegno che ci mettiamo ogni settimana per poi preparare al meglio le partite della domenica. Noi siamo una squadra che se fa le cose che ci chiede il mister, e se imponiamo dei ritmi alti, possiamo mettere chiunque in difficoltà. Però nel momento in cui noi abbassiamo i ritmi, purtroppo andiamo in difficoltà.

D.-      Il tridente offensivo formato da te, Del Sante e Montella dà la possibilità alla Vigor di mantenere alto il suo baricentro di gioco e questo è ovvio che facilita gli inserimenti nelle maglie difensive degli avversari. E’ così?

R.-       Davanti ci troviamo abbastanza bene. Però quando è mancato qualcuno di noi, chi lo ha sostituito ha fatto altrettanto bene per quanto riguarda il reparto offensivo. Però, poi alla fine le partite si vincono o si perdono o si pareggiano in 11 in campo. Comunque, il tridente ci mette nelle condizioni di fare bene.

D.-      Si sta parlando solo di traguardo salvezza; ma un pensierino anche in un eventuale inserimento nelle piazze che contano?

R.-       Credo che noi, come ho già evidenziato prima, dobbiamo puntare innanzitutto alla salvezza. Poi, una volta che la si è raggiunga prima del tempo, possiamo magari provare a divertirci. Però c’è da tenere sempre presente che questo è un campionato lungo, difficile; ci sono degli organici importanti. Quindi, penso che dobbiamo rimanere tutti con i piedi per terra. Abbiamo fatto 21 punti che costituiscono una buona base; però ne dobbiamo fare almeno altrettanti.

Quindi io credo che bisogna puntare alla salvezza”.