Notizie, cronaca, sport, eventi della Città di Lamezia Terme

Cittadino Agricoltura

Un interessante Museo storico a Feroleto Antico

Custodisce un patrimonio storico di inestimabile valore
807 0

Inaugurato il Museo Storico di Feroleto Antico in concomitanza  della sesta edizione del “Trofeo Turismo Sud” che ha richiamato nel paese calabrese  centinaia di motociclisti provenienti da diverse regioni italiane. Ad effettuare il  taglio del  nastro sono stati il sindaco Pietro Fazio e il giornalista Franco Falvo, ideatore del progetto, alla presenza  dell’ amministrazione comunale, del comandante della locale stazione dei carabinieri, luogotenente Carmelo Carchidi e di un centinaio di persone. Le sette ampie sale del piano terra di Palazzo Casentini, interamente messe a disposizione della mostra, custodiscono un patrimonio storico di inestimabile valore costituito da  400 foto storiche ed attuali, circa 80 pregiati documenti storici, circa 320 oggetti riguardanti l’artigianato locale ed altri antichi utensili legati al territorio nonché una quarantina di libri secolari.  E, grazie al sostegno finanziario dell’amministrazione comunale, è stato possibile realizzare il progetto redatto dal giornalista Franco Falvo e  mirato al recupero, alla conservazione e alla diffusione della conoscenza di opere che restituiscono la propria identità ad una delle tante  realtà calabresi. Complessivamente il Museo Storico si estende  su ben sette aree espositive indicate con le seguenti denominazioni: area espositiva A, B, C, D, E, F e G oltre ad una sala indipendente dal Museo dove sono ospitati i telai dell’associazione Antichi Telai Feroletani che – durante le visite guidate – saranno aperti al pubblico unitamente a tutte le altre sale del Museo. Le aree espositive, denominate  A e B,  illustrano la storia e le tradizioni del paese attraverso l’esposizione di foto, documenti e testi  e di interessanti articoli riguardanti realtà storiche locali non più presenti nel nostro territorio ( chiesa e convento di Sant’Agostino, chiesa di San Nicola, cenobio basiliano dei Santi Filippo e Giacomo ed altre )  mentre le altre aree espositive contengono, tra l’altro,   oggetti del secolo scorso riguardanti  l’attività artigianale del luogo. Il Museo sarà aperto ai visitatori in particolari periodi dell’anno e durante lo svolgersi di importanti manifestazioni e sarà comunque integrato nel tempo con oggettistica storica ed altri reperti  donati anche dai cittadini  che consentiranno così  di ampliare la struttura  espositiva che resterà comunque di proprietà comunale.

Don Pino Latelli