Notizie, cronaca, sport, eventi della Città di Lamezia Terme

Cittadino Agricoltura

Un vaccino antinfluenzale causa morti e semina paure

I casi segnalati e le indicazioni fornite dagli esperti
740 0

Sui numeri effettivi che riguardano i casi di morte sospetta dopo l’assunzione di un vaccino antinfluenzale non ci sono indicazioni ben precise: dovrebbero comunque essere cinque o swei i morti segnalati all’Aifa o al Ministero della Salute.

Una cosa è certa: ed è che il vaccino antinfluenzale Fluad, prodotto dalla Novartis, ha colpito duramente e che la Procura di Siena ha aperto per questi casi una inchiesta.

Intanto i Carabinieri del Nas stanno eseguendo in Sicilia e Molise il sequestro di materiale e documenti.

I due lotti sono: 142701 e 143301 del vaccino FLUAD della Novartis Vaccines and Diagnostics.

I medici di famiglia, divieto uso e’ precauzionale
”Il divieto di utilizzo dei due lotti di vaccino antinfluenzale è stato disposto a scopo precauzionale, ma i vaccini sono sicuri e solo l’anno scorso le persone morte in Italia per complicanze legate all’influenza sono state più di 8mila”.

Lo afferma Giacomo Milillo, segretario nazionale della Fimmg (Federazione italiana medici medicina generale) in una nota diffusa oggi a 35mila medici di famiglia attraverso ‘Fimmg Notizie’.

”Il divieto di utilizzo di due lotti di vaccino antinfluenzale Fluad da parte dell’Aifa è stato disposto a scopo precauzionale – rileva -. Già in passato ci sono stati lotti interi bloccati per mesi per un evento avverso, e poi liberati perché non c’era correlazione. Bisognerà aspettare l’esito delle verifiche per stabilire se c’è un nesso di causalità con le morti”.

Sicuramente è un episodio ”che diffonderà paura tra la cittadinanza e metterà a rischio la campagna vaccinale in corso – prosegue Milillo – ma questa cosa non possiamo permetterla, perché

i vaccini sono sicuri e salvano vite, svolgendo un’attività di prevenzione soprattutto per i pazienti affetti da patologie croniche. Ricordiamoci che solo lo scorso anno per complicanze legate alla patologia influenzale sono morte in Italia più di 8mila persone, in Europa oltre 40mila”.

L’Istituto Superiore di Sanità ”supporta la decisione dell’Aifa di ritirare in via cautelativa i lotti dei vaccini a cui sembra siano associate gravi reazioni avverse, a riprova dell’attenzione del Sistema Sanitario Nazionale alla sicurezza ed alla salute dei cittadini”.

L’Istituto, a cui sono stati affidati i controlli di tali lotti, ”produrrà i risultati delle analisi nel più breve tempo possibile”.

Tuttavia ”l’Istituto Superiore di Sanità raccomanda fortemente di continuare nella campagna vaccinale anti-influenzale, che ogni anno contribuisce a far superare la stagione invernale a milioni di persone, soprattutto anziani e soggetti nelle fasce di popolazione più fragili per le quali, senza vaccinazione, le complicazioni dell’infezione influenzale potrebbero essere gravi e, in molti casi, fatali”.