Notizie, cronaca, sport, eventi della Città di Lamezia Terme

Cittadino Agricoltura

VIII Congresso Nazionale della Fiamma Tricolore: parte dalla Calabria la rifondazione del Movimento Sociale.

315 0
VIII Congresso Nazionale della Fiamma Tricolore: parte dalla Calabria la rifondazione del Movimento Sociale.

Riceviamo e pubblichiamo

Si è svolto lo scorso fine settimana a Tivoli l’ottavo Congresso Nazionale del Movimento Sociale-Fiamma Tricolore. Un congresso che aveva come obiettivi prioritari il rinnovamento della classe dirigente ed il rilancio di un’azione politica che negli ultimi anni aveva visto il nostro movimento annaspare un po’ su tutto il territorio nazionale.

Obiettivi in buona parte realizzati grazie al ricambio generazionale, con un sostanziale ringiovanimento del Comitato Centrale, e l’approvazione da parte della Segreteria Nazionale di un corposo programma di “Destra Sociale” per il rilancio del movimento sul territorio.

A tutto ciò ha fortemente contribuito – in concorso con tutti i delegati provenienti dal resto d’Italia, e particolare menzione, ci sia consentito, al gruppo laziale – la Calabria tramite la propria delegazione guidata magistralmente dal nostro giovane vice segretario regionale Lorenzo Scarfone che ha presentato, durante il suo intervento, le proposte del gruppo calabrese approvate durante l’ultima riunione di segreteria regionale tenutasi a Villa San Giovanni a fine settembre.

La nostra delegazione ha rilanciato in sede congressuale le tesi della propria mozione riportata nel documento stilato in quell’occasione dal titolo “Alternativa per l’Italia” nonché ha condiviso appieno le tesi formalizzate dal Coordinamento regionale laziale, di cui si è fatta egregia portatrice la nostra valente dirigente Elisa Alessandrini.

Il Congresso ha sancito quindi il rientro della Comunità calabrese ai vertici del Movimento: Francesco De Leo, segretario regionale e Lorenzo Scarfone rappresenteranno infatti la nostra regione nel Comitato Centrale della Fiamma che vedrà un’altra figura entrare a far parte della segreteria nazionale su proposta di questo coordinamento regionale.

Tutto ciò ci riempie di orgoglio ma anche di tante responsabilità per cui fin da subito abbiamo deciso di intraprendere una serie di iniziative sul territorio di concerto con le altre realtà missine su più ampia base, sia macroregionale che nazionale, onde concretamente raggiungere quell’obiettivo di rilancio generale al fine di donare nuovamente al palcoscenico della politica italiana un movimento di destra sociale oggi purtroppo totalmente assente in Parlamento.

Più che mai convinti che la missione e l’eredità della nostra forza politica sia quella di realizzare quei postulati legati ai valori della Giustizia Sociale e del primato dell’Uomo e del Lavoro che da sempre animano la nostra Comunità, continueremo ad operare aprendo le porte della Fiamma Tricolore a tutte quelle realtà politiche, associazioni, singoli uomini e donne che la pensano allo stesso nostro modo.

Questo lavoro di inclusione di uomini e movimenti di destra sociale ha già portato all’adesione, tra gli altri, dell’ex ministro Adriana Poli Bortone e di tante altre personalità del nostro mondo politico che hanno riconosciuto nella Fiamma Tricolore un’azione di politica coerente tra il marasma di partiti e politici nazionali che negano alla sera ciò che hanno detto al mattino.