Notizie, cronaca, sport, eventi della Città di Lamezia Terme

Cittadino Agricoltura

Zona franca urbana: un respiro salutare nel polmone dell’economia e dello sviluppo.

,
719 0

Sono ben 246 le richieste ammesse alle agevolazioni in favore delle micro e piccole imprese dell’area del lametino, localizzate nelle Zone franche urbane (ZFU) della Regione Calabria.

Sarà una significativa e produttiva inversione di tendenza nel processo di ripresa del settore produttivo , che dovrebbe avere ripercussioni in fatto di assorbimento di occupazione, come previsto da questo specifico intervento di sviluppo di consistenti aree specificatamente interessate, dove – per ravvivare un’economia ristagnante- l’imprenditore che decide di investire verrà premiato con sconti o esenzioni totali da imposte come Iva, Irap ed Imu.

Per conoscere meglio il meccanismo riservato a tali agevolazioni, sottolineiamo che gli aiuti saranno destinati alle piccole imprese e alle microimprese che hanno avviato  dal  1° gennaio 2008, una nuova attività economica. Tali imprese potranno fruire delle seguenti misure agevolative:
esenzione dalle imposte sui redditi – Esenzione totale per i primi cinque periodi d’imposta. L’esenzione scende al 60% dal sesto al decimo anno di attività, al 40% per l’undicesimo e il dodicesimo e al 20% per le successive due annualità.
Esenzione dall’Irap – Esenzione, per ogni periodo d’imposta, fino a concorrenza di 300 mila euro del valore della produzione netta. L’esenzione è limitata ai primi cinque anni di attività.
Esenzione dall’Imu – Esenzione dall’imposta a partire dal 2008 e fino al 2012 per gli immobili che si trovano nella ZFU. Per poter usufruire dell’agevolazione, l’impresa deve essere proprietaria dell’immobile e deve utilizzarlo per l’esercizio della nuova attività economica.
Esonero dal versamento dei contributi sulle retribuzioni da lavoro dipendente – L’agevolazione si applica, per i primi cinque anni di attività e nei limiti di un ammontare massimo di retribuzione, solo con riferimento ai contratti a tempo indeterminato e a tempo determinato di durata almeno annuale. Dopo i primi cinque anni, l’esonero è concesso secondo la stessa progressione prevista per l’esenzione dalle imposte sui redditi: 60% per il secondo quinquennio, 40% per undicesimo e dodicesimo periodo d’imposta, 20% per ulteriori due anni.
Per le imprese esistenti al 1° gennaio 2008 le agevolazioni sono concesse nel limite del de minimis.

E’, questo, un successo di notevole portata, come sottolineato dal Sindaco Gianni Speranza, secondo cui “vengono così premiati i nostri sforzi. (—) Mi auguro”, ha proseguito il Sindaco, “ che ora si parta subito con la fase operativa e tutto questo si tramuti, già nei prossimi mesi, in un concreto sostegno allo sviluppo e alla crescita della nostra economia e anche dell’occupazione. Soprattutto quando la disoccupazione nella nostra Regione supera il 22% e assegna alla Calabria un altro preoccupante primato negativo”.