Notizie, cronaca, sport, eventi della Città di Lamezia Terme

Cittadino Agricoltura

Basta roghi da Scordovillo. La salute dei cittadini vale più di qualche voto

Nota di Gioventù Nazionale a margine dell'ordinanza del Sindaco
803 0

Il problema dei roghi a Scordovillo è molto sentito, trasversalmente, in città. Sono numerosi i comunicati stampa giunti in redazione, tra tutti pubblichiamo una stralcio della Gioventù Nazionale Lamezia Terme.

vuole richiamare l’attenzione del Comune e di tutte le istituzioni politiche locali in merito all’ormai abituale quanto incresciosa situazione che si vive nella nostra città, costretta a respirare sostanze altamente nocive per i frequenti roghi che divampano dal campo rom di Scordovillo.

È logico ritenere che non siamo gli unici a notare il quotidiano scempio che si vive nella zona adiacente all’Ospedale “Giovanni Paolo II” ed al locale Commissariato di Polizia, perché la colonna di fumo nero e denso che si alza dalla zona è visibile da tutta la città e l’odore acre raggiunge una vasta area, intossicando migliaia di cittadini.

È giusto che i nostri giovani debbano andare nelle scuole adiacenti l’accampamento Rom e respirare aria nociva per colpa delle azioni criminose di alcuni individui, facilmente identificabili con un minimo di controllo? È giusto, per un cittadino che paga regolarmente migliaia di euro di tasse, dover uscire da casa con la mascherina o dover stare con le finestre chiuse persino in estate? È giusto ammalarsi per la mancata vigilanza di chi dovrebbe assicurare la sanità pubblica?

Non è rimuovendo qualche cumulo di rifiuti sulla via di accesso all’accampamento (presidiata giorno e notte) che si può risolvere un problema che mette in ginocchio la città da anni. Quando i cittadini potranno, finalmente, vivere e riprendere in mano la propria città?

I giovani del movimento politico richiamano l’attenzione del Sindaco e di tutto il Consiglio Comunale (maggioranza ed opposizione, nessuno escluso) per risolvere una problematica così grave che continua ad insistere da tempo immemorabile su un’area già oggetto di un’ordinanza di sgombero decisa da quasi tre anni ma mai messa in atto.

Sarebbe giusto che ci governa rassicuri i lametini, rompendo il muro di omertà nel quale sta vivendo il Comune, forse troppo impegnato, nell’ultimo periodo, a risolvere il problema della divisione delle poltrone per giungere a fine mandato dimenticando i veri problemi di Lamezia Terme.