Notizie, cronaca, sport, eventi della Città di Lamezia Terme

Cittadino Agricoltura

Breve storia della tartaruga

,
2.14K 0

Le tartarughe potrebbero raccontare, delle strade, più di quanto non potrebbero le lepri.“  Khalil Gibran

Le prime tartarughe esistite sul nostro pianeta risalgono al periodo tardo Triassico dell’era mesozoica, circa 220 milioni di anni fa, non a caso esistono molte leggende legate a questo rettile dotato di carapace per proteggersi da ogni cosa.

La tartaruga simboleggia la saggezza proprio perché è riuscita a sopravvivere e ad assistere ai più grandi cambiamenti del mondo, ed è anche associata all’immortalità data la sua longevità, alcune raggiungono anche i 250 anni, è il caso di Adwaita la tartaruga più vecchia al mondo, scomparsa nel 2006 proprio alla veneranda età di 250 anni.

Un’altra leggenda sempre cinese racchiude il mito di Kuen, il creatore del caos, che viene rappresentato come una tartaruga zoppa, dunque senza stabilità nè equilibrio.

In Mongolia invece si narra di una tartaruga dorata che sostiene la montagna centrale dell’universo, ma essendo goffa, inciampa e perde l’equilibrio così provoca terremoti, eruzioni vulcaniche e inondazioni.

In India si può ascoltare la storia di come la tartaruga sia la creatrice del mondo, che sorregge sul guscio un elefante, il quale a sua volta regge appunto il mondo. L’elefante è il principio maschile, la tartaruga quello femminile e insieme rappresentano l’unione degli opposti, rappresentano lo yin e lo yang.

Anche in America esistono leggende sulle tartarughe, infatti i Nativi Americani la vedono come la Madre Primordiale, e narrano che quando la moglie del Padre Cielo cadde sulla terra, un castoro recuperò della terra dal fondale dell’oceano e la posò sul guscio della tartaruga. La Dea cadendo su questo sofficie pezzo di terra si salvò e così nacque il continente.

I greci invece narrano che all’inizio la tartaruga fosse una ninfa, per la precisione Chelone, la quale, avendo osato deridere Zeus ed Hedra proprio il giorno delle nozze, era stata punita dagli Dei infuriati che l’avevano precipitata in mare e condannata a recare sul dorso la propria casa, fino alla fine dei tempi.

« La tartaruga disse a Zeus: “Voglio una casa tutta per me, in modo che vi possa entrare solo chi dico io!”. Zeus rispose: “Avrai una casa tutta tua, ma ci potrai entrare solo tu!” » Esopo

 

 

 

 

 

 

Valeria Bonora