Notizie, cronaca, sport, eventi della Città di Lamezia Terme

Cittadino Agricoltura

“Noi calabresi non vogliamo vincere facile”

Calabresi si nasce
,
964 0

E’ così, a noi calabresi non piace vincere facile, nelle nostre vene scorre sangue da combattenti, abbiamo tanti nemici, tante battaglie da combattere…
E nessun potrà mai convincerci del contrario, anzi…
Questa regione, fortunata, “il giardino d’Europa”,con 800 km. di costa, paesaggi stupendi, 25 km di gran canyon, tradizioni, clima ,cultura, gastronomia, storia: un forziere con tanti stupendi gioielli da scoprire… No, è troppo facile…

Dobbiamo combattere, PUNTO!

E facciamo di tutto per mantenere questo stato di cose: buttiamo rifiuti ovunque, degradiamo tutto ciò ch’è possibile, un via vai di messaggi “vai in quella via, strada, è troppo pulita” , poi vengono i turisti e “vinciamo facile” e noi non vogliamo, dobbiamo combattere!!! “Questa è la parola d’ordine.

“DOBBIAMO COMBATTERE”

E’ un passaparola, qualcosa di magico, tant’è che chiunque governa questa regione, si guarda bene dal cambiare questo stato di cose: sì, c’è della magia in tutto ciò.

E già da piccoli veniamo “indottrinati” a buttare rifiuti sulla spiaggia, sulle strade, imbrattare muri, monumenti, a compiere questi “capolavori” con grande compiacimento di tutti…

“Dobbiamo combattere, PUNTO!”

Una delle provincie più meritevoli e virtuose è senza dubbio Vibo Valentia: uno spettacolo, un capolavoro degno del primo premio, “Opera Prima”: uscita autostrada, direzione Tropea: questo percorso conquisterà chiunque, non riuscirai mai a capire dove finisce il verde e inizia la strada e viceversa, dove le rotatorie sono così abilmente nascoste dal verde, dove i sacchi & sacchetti d’immondizia fanno parte dell’arredamento.

Sì, stupenda idea, autentica e originale. Complimenti a tutti i partecpanti, nessuno escluso: Amministratori Locali, Regionali, Anas, Presidenti di qualunque cosa, Presidenti di se stessi, Autorità, Assessori, Magistrati (chiedo scusa se non ho citato tutti, spero mi sarà perdonato)…Comunque, da calabrese d.o.c. , ringrazio con il cuore e con le lacrime agli occhi.

“Dobbiamo combattere, PUNTO!”

Però, c’è un però grande grande grande: un giorno arriverà qualcuno, una essere umile, che ama questa terra e nella quale vede la grande potenzialità che va al di là di tutto e di tutti che fin’ora han dettato le regole, e dirà:

“Da oggi, cari calabresi, dobbiamo fare altro, bisogna cambiare!”


“Dobbiamo vivere di turismo, PUNTO!””


Sì, perché questa meravigliosa regione ha l’oro in casa: natura, paesaggio, clima, arte, cultura, gastronomia, tradizione, artigianato…

Bisogna pulire strade, spiagge, fiumi, canali, muri e monumenti imbrattati di vernice, realizzare infrastrutture, collegamenti, ripristinare la legalità, abbiamo il clima adatto per avere turisti tutto l’anno, abbiamo l’oro in casa.

Diamoci da fare!

Ugo Condoleo
L’Altra CalabriA