Notizie, cronaca, sport, eventi della Città di Lamezia Terme

Cittadino Agricoltura

Festa dell’Immacolata : per fare festa anche noi nella prospettiva presente e futura.

954 0
Festa dell’Immacolata : per fare festa anche noi nella prospettiva presente e futura.

“Tota pulchra es Maria, tota pulchra es Maria” : è la parte iniziale dell’inno sospinto dai fedeli verso il Cielo e  che la Chiesa ha ripetuto nell’intera novena dell’Immacolata e che lo fa anche oggi, 8 dicembre, per la solenne ricorrenza della sua festa, che ci riporta a quel giorno fulgido, quanto l’Angelo Gabriele le porse il saluto e soprattutto l’incredibile e maestoso annuncio: “ Ti saluto, o piena di grazia, il Signore è con te … Ecco, concepirai un figlio, lo darai alla luce e lo chiamerai Gesù” (Lc 1) .

L’Apostolo Luca diede poi una significativa sottolineatura : essa non oppose resistenza, ma aggiunse quel grido libero e liberante :” Sia fatta la Sua volontà !”;  e da questo solenne istante dà una svolta definitiva e storica al suo ruolo : “ Sono la serva del Signore”.

Serva: non è tanto una espressione di umiltà: è piuttosto la gioiosa e solenne decisione di aderire radicalmente, senza riserve e reticenze, al proprio Signore.

Coloro che accettano di portare a termine la Sequela di Cristo non possono prescindere da tale impegno solenne : essere servi, servi per amore e servi per l’eternità. Maria disegna davanti ai credenti in Cristo l’itinerario della fede e dell’amore nella sua forma più pura e completa.

Gioendo assieme alla Vergine Maria, agli Angeli ed ai Santi, la conclusione la si affida ad uno scritto di San Bernardo, cantore dell’Amore verso la Madre di Dio:

“ L’Angelo aspetta la tua risposta, o Maria ! Stiamo aspettando anche noi, o Signora, questo tuo dono che è dono di Dio. Sta nelle tue mani il prezzo del nostro riscatto. Rispondi presto, o Vergine ! Pronuncia, o Signora, la parola che terra e inferi e  persino il Cielo aspettano.

Apri, dunque, o Vergine beata, il tuo cuore alla fede, le tue labbra alla parola, il tuo seno al Creatore. Ecco colui che è il desiderio di tutte le genti, sta fuori e bussa alla tua porta …  Alzati, corri, apri. Alzati con la tua fede, corri col tuo affetto, apri col tuo consenso”.