Notizie, cronaca, sport, eventi della Città di Lamezia Terme

Cittadino Agricoltura

La Consulta ha dichiarato inammissibile il referendum sull’art. 18-

Disco verde invece per quello sui voucher e sulla responsabilità in solido appaltante-appaltatore.
605 0

Quanto era spasmodicamente atteso dalle forze politiche, sindacali e dal Governo è finalmente arrivato puntualmente : la Corte Costituzionale ha esaminato i referendum proposti dalla Cgil sul Jobs Act ed al termine c’è il NO della Consulta al referendum sull’art.18 dei lavoratori; ammessi invece i referendum sui voucher e sulla responsabilità in solido appaltante-appaltatore.

Le firme raccolte dalla Cgil per proporre il referendum erano state 3 milioni. Il primo quesito puntava ad abrogare le modifiche apportate dal Jobs Act all’art. 18 dello Statuto dei lavoratori, ripristinando le tutele per chi subisce un licenziamento illegittimo non solo per le aziende sopra i 15 dipendenti, ma estendendole a quelle sopra i cinque.

Il secondo chiede di abolire i voucher, i buoni lavoro da 10 euro l’ora per le prestazioni accessorie, che il Jobs Act ha esteso ai redditi fino a 7mila euro.

Il terzo riguarda il settore appalti e vuole reintrodurre la responsabilità in solido tra committente e appaltatore, senza deroghe.