Notizie, cronaca, sport, eventi della Città di Lamezia Terme

Cittadino Agricoltura

La nascita del” Movimento Legalità e Riscatto” ha creato in città un fervore che fa piacere.

Lo ha constatato il Presidente di questo Movimento, il Presidente Mario Magno-
172 2
La nascita del” Movimento Legalità e Riscatto” ha creato in città un fervore che fa piacere.

La nascita del” Movimento Legalità e Riscatto” ha creato in città un fervore che fa piacere. Sono stato contattato, in qualità di Presidente, da numerosi rappresentanti di associazioni e partiti politici, alcuni dei quali hanno voluto incontrarmi ed altri hanno chiesto di essere incontrati nei prossimi giorni. Al riguardo ho dato la mia disponibilità a mettere a disposizione la mia esperienza politica, amministrativa e professionale per il bene della città e del comprensorio.

Tutto ciò nasce dalla necessità di confronto e riflessione, in ordine alla situazione politica e sociale di Lamezia Terme, sulle imminenti elezioni amministrative e dall’esigenza di rapportarsi sui programmi e sulle alleanze.

Poiché l’associazione “Movimento Legalità e Riscatto” è nata come risposta contro l’inquinamento del tessuto politico e sociale e sulla necessità di ricomporre una classe politica e dirigente rinnovata nelle persone e nei programmi, ritengo sia necessario iniziare a

lavorare, con chi ci sta, per un progetto civico e sociale che metta a confronto ed in relazione l’associazionismo moderato, cattolico e riformista, nonché le rappresentanze culturali, professionali, imprenditoriali e sindacali, con il fine di elaborare un nuovo progetto di risanamento morale, finanziario e di sviluppo della città e del comprensorio lametino.

Quando avrò completato gli incontri, provvederò a convocare gli amici ed i rappresentanti politici che si sono resi disponibili per intraprendere un nuovo e rinnovato impegno culturale, politico ed amministrativo per risollevare le sorti della città e per il riscatto etico e morale dei nostri concittadini.

E’ tempo oramai di fare una sana riflessione sugli errori commessi, dei quali nessuno è immune, senza girarci dall’altra parte, con la presunzione di pensare che “io non c’entro” o che “la colpa è di chi non vuole il bene della città” o che esiste un “complotto per affossare Lamezia”, e avere la convinzione che tanto tutto è superato dopo lo scioglimento del consiglio comunale, senza aver fatto nessuna autocritica. Al contrario bisogna essere inflessibili nel capire cosa non andava fatto o cosa non si è fatto e come ovviare ai rovinosi risultati degli ultimi decenni di vita amministrativa che si sono abbattuti sulla nostra città, mettendola in ginocchio e mutandone l’identità di città laboriosa e fatta per la maggior parte da persone perbene e volenterose di cambiarne la sorte negativa. Su questi presupposti dovrà scaturire l’individuazione di un candidato a Sindaco, capace di saper interpretare il “Progetto per Lamezia”, facendolo proprio e nel contempo indicarne le linee attuative.

Le prossime settimane saranno importanti per tutta la città poiché saranno definiti i tempi certi per eleggere i nuovi rappresentati al consiglio comunale e gli schieramenti che andranno a definirsi per indicare i candidati a Sindaco.