Notizie, cronaca, sport, eventi della Città di Lamezia Terme

Cittadino Agricoltura

La strada Marcellinara Rogliano ancora incompiuta, il comitato si fa sentire

Richiesto a tutti i candidati un impegno a completare l'arteria che servirebbe l'area montana lametina e cosentina
924 0

Il comitato “La strada che non c’è” non si arrende e continua la sua battaglia per la realizzazione dell’arteria Medio Savuto “Coraci-Marcellinara”. Dopo l’indifferenza e l’indisponibilità del presidente del Consiglio Renzi ad accogliere la richiesta del Comitato e dei sindaci del comprensorio che chiedevano l’inserimento dell’incompiuta nel decreto “Sblocca Italia”, i promotori scrivono ai cinque aspiranti governatori della Regione. Il Comitato ha chiesto a Wanda Ferro, Mario Oliverio, Nuccio Cantelmi, Nico D’Ascola e Domenico Gattuso “quale posto occupa l’opera in oggetto nel loro programma di governo”. Nel comunicato si ricorda che l’opera incompiuta (lavori sul 1° lotto) una volta ultimata collegherà l’autostrada A3 (svincolo di Rogliano nel cosentino), con la Ss.280 nei pressi di Marcellinara alle porte di Catanzaro.

Si sottolinea che l’infrastruttura è di primaria importanza per lo sviluppo socio-economico del vasto territorio compreso tra l’ex Comunità montane del Reventino-Tiriolo-Mancuso e quella del

Savuto, servito ad oggi dalla sola vecchia ed obsoleta ex strada statale 19 e dalle Ferrovie della Calabria. Il Comitato evidenzia che per lo sviluppo del territorio e la realizzazione dell’importante arteria il ruolo della Regione Calabria è fondamentale. Tanto è vero che qualche anno fa, il governo nazionale aveva stanziato circa 94 milioni di euro da destinare all’Amministrazione provinciale di Catanzaro per la realizzazione del tratto Decollatura-San Pietro Apostolo ed avviare i lavori dell’altro lotto fino a Marcellinara.

Purtroppo, tali somme, arrivate alla Regione, sono state stornate dalla giunta regionale e destinate ad altri scopi per coprire varie spese, tra queste anche quelle della sanità. Pertanto, il prossimo governatore dovrà restituire il maltolto! E fare in modo che dopo tanti anni si arrivi alla fine dell’opera viaria.